Posts Tagged 'mills'

Fate voi

Secondo voi è possibile vivere in un paese in cui il Supremo Organo di Giustizia, ovvero la Suprema Corte di Cassazione  -insomma quel posto dove ci sono i parrucconi che discutono di forme sostanziali di diritto, di concatenazioni logico-giuridiche complicatissime – ha appena messo per iscritto in via definitiva e irrevocabile (e in una sentenza a Sezioni Unite, perdipiù, che è proprio il massimo del massimo: è quasi un precedente vincolante, lo dice anche Wikipedia) che una decina di anni fa l’attuale Capo del Governo pagò un testimone perchè questi tacesse al giudice che le società occulte del gruppo Fininvest erano in realtà cassaforte personali del di Finivest Presidente, dunque lo stesso attuale Capo del Governo, e cassaforti costituite da fondi illeciti, peraltro, fondi derivanti dall’evasione fiscale o in altro modo “illecitamente conseguiti”, peraltro?

Ed è possibile, dicevo, in quel paese, che quando il Supremo Organo di Giustizia mette per iscritto queste cose, ovvero che il Presidente del Consiglio è stato un corruttore di testimoni e quantomeno un evasore fiscale, il Presidente del Consiglio – del quale si parla nella sentenza – non senta sulle sue spalle un quarto di un quinto della responsabilità politica necessaria a presentare immediate dimissioni?

Secondo me no, non è possibile.

Ps: ma dice, le Toghe Rosse. Eh, ma come la mettiamo se il primo presidente della Corte di Cassazione è Vincenzo Carbone, toga votata e rivotata compattamente dalla destra della magistratura e dai laici della allora Casa delle Libertà, e contro cui la sinistra, sempre della magistratura, fece opposizione feroce?

Aspettando Fini

Scrivevo tempo fa la mia posizione su Fini. Per me, ciò che ha cambiato del suo pensiero è molto meno di ciò che si porta dietro da casa. Quindi, non vado in brodo di giuggiole quando parla.

Bene: dica qualcosa su Berlusconi-Mills. Dica che è inaccettabile che il Presidente del Consiglio stia insultando in questo modo il Parlamento, nel riferire alla Camera quando dovrebbe presentarsi in Tribunale. Sganci questa caricona di Napalm in mezzo a Montecitorio.
Se lo fa, cambio la mia posizione e dico che è un grande leader da destra europea quasi votabile e blablabla. Si comporti come Cameron, che ha richiesto a tutti i deputati “moralmente ladri” di restituire i loro rimborsi, e pubblicato tutti gli esborsi del suo partito. 

Io dico che non lo farà.

A dirla tutta

Berlusconi su alcune cose ha ragione. E questo peggiora la sua posizione, secondo me. 
E’ perfettamente possibile, per non dire verosimile (probabilmente vero e basta), che la magistratura sia piena di gente di sinistra. Quale è il discorso, chi è magistrato non può avere posizioni politiche? E come si riconosce un magistrato di sinistra? E’ tale solo perchè condanna Berlusconi?

Bene, poniamo che un magistrato di sinistra stia giudicando il presidente del Consiglio. C’è legittimo sospetto? Forse, ma il problema non è che c’è un magistrato di sinistra, di destra, liberale, vattelapesca, che fa il suo lavoro. Il problema, gente, è che un imputato è Presidente del Consiglio. Certo che si può verificare legittimo sospetto, in questo caso. Rovesciamento della prospettiva: per un magistrato chiamato a giudicare su una carica elettiva, il legittimo sospetto è quasi sempre invocabile. 

Problemino: qui l’hanno già invocato, e hanno preso sberle, sia nel merito che nel metodo.

Due soluzioni: o diciamo che il Presidente del Consiglio è ingiudicabile, o diciamo che gli imputati non possono fare i Presidenti del Consiglio. La prima delle due non è da paese normale, ma l’altra non si può imporre come obbligo finchè c’è la Costituzione. E’ un comportamento consigliabile, ma giuridicamente non obbligatorio; al massimo una cosa da persone serie.
Quindi, diamine, avanti con la prima.

Il complotto delle Toghe Rosse

Che Berlusconi urli alla giustizia ad orologeria non fa notizia. Mi sto leggendo, invece, un po’ di commenti in calce alle notizie, sui quotidiani online, per vedere se la tesi ha un suo seguito al di la delle oneste bugie che il presidente del consiglio racconta a se stesso. Credendoci, ovviamente. 

Il fatto è che, lo dico terribilmente tondo, se uno crede alle toghe rosse è un ignorante, o un cretino, o un malfidato. Di certo disinformato, ma a quel punto non è colpa sua; in verità, neanche nei primi tre casi lo è.

Alcune premesse vanno fatte: Mills non è ancora colpevole di nulla, essendo solo al primo grado del giudizio; giudizio che molto probabilmente andrà in prescrizione, e anche questa ha un significato ben preciso, ovvero che l’accusa non ha trovato in un tempo ragionevole le prove per dimostrare la colpevolezza dell’imputato. E per come la vedo io, la prescrizione, da un punto di vista dell’onorabilità, è quasi peggio della condanna: rimani in una condizione di limbo in cui non sei ne colpevole, ne innocente: un ombra rimane. Solo in un paese solare, ridanciano e meravigliosamente mediterraneo come il nostro l’ “averla fatta franca” è fonte di allegria.

Ora, mondo cane, se mi hanno condannato vuol dire che avevano le prove. Io posso essere un giudice con un passato da militante di Democrazia Proletaria, ma se il pubblico ministero mi convince delle prove che ha raccolto, e l’avvocato difensore non è in grado di fare altrettanto all’inverso, e queste prove di cui parla l’accusa ci sono veramente, io faccio il mio lavoro e condanno. Dire che il giudice ha condannato qualcuno senza prove è fol-le. Perchè se fosse vero, in appello l’imputato si fa il favore di cambiare avvocato, e tritura la tesi accusatoria che va avanti senza fondamenti. Riassumendo, è perfettamente possibile che un giudice di parte condanni qualcuno ingiustamente, è veramente difficile che le cose rimangano così nel lungo periodo.

Oppure ci sono tre giudici (primo grado, secondo grado, cassazione) che condannano qualcuno senza prove per antipatia personale: il complotto giudiziario, appunto, ecco la tesi. E’ veramente una macchina perfetta : “Questo giudice è di sinistra, ci ha condannato senza prove; vedrete in appello. Questo giudice d’appello è di sinistra, ci ha condannato senza prove; vedrete, vedrete in Cassazione” – prescrizione – “L’avevamo detto, noi, che era un complotto.”
Faccio notare che tre sentenze di condanna, anche se emesse da giudici faziosi o ritenuti tali, fanno giudicato: e diventano verità giudiziaria, che come dice il mio professore, fa il bianco nero e il nero bianco anche contro l’evidenza. Se si ritiene di esser stati vittima di errori giudiziari si può citare lo Stato per danni: ma non mi pare che qualcuno abbia il coraggio di farlo, e ci sarà un motivo. 

E la mitica gggente che fa, crede a tutto questo? Tipo: “Presidente vada avanti. Non molli. E non si curi dei giudici milanesi che ormai da 15 anni cercano ogni pretesto per farla fuori. La gente è con lei non con la sinistra”.”Come si avvicinano le elezioni, Berlusconi riceve il famoso avviso di garanzia,mi ricordo che lo stesso trattamento lo subiva,quando il msi cresceva in voti,almiranta. e’ vero o non e’ vero?! poi il fatto che berlusconi debba dare conto della sua vita privata e’ un fatto repellente.comunque significa che berlusca e’ un uomo,quindi che c’e’ di strano.a napoli si dice; faciteve e c…. vostri! ma franceschini,che si spuitizza, per caso e’ ricchione?” . Stamattina non ho visto MattinoCinque (di cui un giorno parlerò, credo), Dio solo sa cosa avranno detto; mentre ieri Studio Aperto ha detto che Berlusconi era assolto, inventando alla grandissima. Facci, sul Giornale, scrive che la condanna si basa su un’interpretazione delle prove, a cui si poteva dare tutt’altro significato, assolvendo. Quindi il fatto che Mills abbia confidato a un suo amico che quelle erano tangenti per proteggere Berlusconi da sicura condanna, per Facci, non è rilevante. Curiosa come cosa.

Sono un mucchio di frescacce: perchè qualcuno ci crede? Ci crederebbe ugualmente se fosse meglio informato? Io non lo so. “La gente è con lei e non con la sinistra”. Boh.

Impercettibili differenze

In Inghilterra la stampa ha fatto uscire fuori una piccola tangentopoli. I Parlamentari inglesi si facevano rimborsare molte spese, alcune di esse inutili o eccessive. Ora l’opinione pubblica è in fibrillazione, sta per saltare la testa del Fini locale (lo speaker della Camera dei Comuni, una roba che non succedeva da 300 anni); questa è poi un’altra scoppola per il governo Brown, tanto che il Guardian, che è, politicamente, tipo l’Unità, scrive che il partito ha un biglietto di sola andata verso l’oblio elettorale, un completo spappolamento dal quale potrà riprendersi forse tra una generazione”. La cosa da notare è che questi rimborsi erano perfettamente legali. La legge inglese consente spese di questo genere; i parlamentari hanno spostato la residenza fuori Londra per beccarsi il rimborso del mutuo, ma era una cosa lecita. Legale, ma ingiusta. E’ tutto pubblicato sui giornali, nomi e cognomi, chi ha comprato cosa, fino all’ultimo penny; e la gente sta per spaccargli la testa, a tutti quanti: ogni volta che un MP si fa vedere in pubblico, la prima cosa che fa è chiedere scusa. Pure se non ha fatto niente.

Oggi a Milano i giudici hanno depositato le motivazioni della sentenza Mills. L’avvocato di Berlusconi è stato corrotto e ha agito da falso testimone “per consentire a Silvio Berlusconi e al gruppo Fininvest l’impunità dalle accuse o almeno il mantenimento degli ingenti profitti realizzati attraverso il compimento delle operazioni societarie e finanziarie illecite”. Berlusconi riferirà in Parlamento in proposito, ma la sua posizione è nota: è sicuro di essere assolto in appello.
In ogni modo se ne riparla fra cinque anni, perchè tanto lu, per ora, è impunibile.

In un paese la gente chiede scusa per aver fatto qualcosa di lecito; in un altro qualcuno se ne frega di aver fatto qualcosa di vietato. Quale dei due è il nostro paese?


D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

maggio: 2019
L M M G V S D
« Apr    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031