La sindrome del bambino viziato

E’ un comportamento da pupo di non più di dieci anni quello che sta tenendo l’intera classe dirigente del PDL a livello nazionale. Il bambino che ha fatto il cattivo, lo studente che ha preso un insufficienza ma che chiede comunque a papà-e-mamma se può andare a giocare col figlio del vicino, come se avesse fatto il bravo.

L’idea, che circola in queste ore, per cui dovrebbe essere garantito “il diritto degli elettori che vogliono votare il PDL a poter votare il PDL” è semplicemente folle, fa ridere, è una cosa che non esiste. E lo sanno molto bene anche loro, perchè le facce con cui lo dicono sono sfrante e imbarazzate. Non esiste il diritto a poter votare un partito. Esiste il diritto di voto, e come tutti sappiamo – non c’è neanche da ribadirlo – esso sarà pienamente garantito nella prossima tornata amministrativa. Il partito escluso dalla competizione per vizi di forma o di sostanza, di propria ed esclusiva responsabilità, non può invocare la lesione di un diritto. Perchè il diritto che si afferma leso, semplicemente non esiste.

Nei confronti della pubblica amministrazione non si vantano diritti infatti, ma interessi legittimi. Grandissima la differenza: se io ho un diritto mi deve essere assicurato il risultato preciso (qualcuno mi sottrae una cosa, devo riavere quella cosa), se io ho un interesse legittimo ho solo il diritto al corretto trattamento da parte della P.A., a che questa rispetti correttamente le procedure e le regole, a che garantisca imparzialità, ma non il diritto ad avere un certo tipo di risultato, specifico, presso di essa. Da che ne deriva che accusare la pubblica amministrazione per aver osservato “troppo” [sic] scrupolosamente le regole è folle. Fa ridere, non esiste.

Arrivo poi a dire che le parole di Schifani, pronunciate ieri, sono inusitate, fra le più terribili sentite negli ultimi giorni. “La forma non prevalga sulla sostanza” è una frase che un’istituzione, nello specifico il Vice Presidente della Repubblica, non si può permettere di dire. Perchè sta a significare la consacrazione del pragmatismo illecito, dell’irrilevanza delle norme davanti al padrone, l’ “essù, vabbè, non facciamo i fiscali” come metodo d’azione quotidiana: mentre la seconda istituzione dello Stato dovrebbe dichiarare esattamente il contrario. Facciamo i fiscali, facciamoli fino in fondo, e senza pietà. “La forma non prevalga sulla sostanza, quando essa non è essenziale”, dice. E quando è che la forma non è essenziale? La forma è sempre essenziale, nell’agire della pubblica amministrazione. Se si parla così, un domani ci potremo certo veder recapitata un’ingiunzione di sfratto scritta su un post-it: perchè tanto, è la sostanza che conta, no?

No gente, qui la forma è sostanza.

E si badi, non è che me ne sto qui a gongolare perchè una parte politica rischia di essere esclusa dalla competizione: penso però che tutti dovremmo pretendere il rispetto delle regole. Anche perchè se i vizi di forma sono sanabili, saranno sanati: si può sbagliare, eh? E’ previsto, e sono previsti dei rimedi. E’ quello che sta succedendo in queste ore, per cui si è già gridato al golpe eversivo delle toghe complottarde, mentre proprio esse erano al lavoro per vagliare l’effettiva esistenza di problemi insanabili.

Così quelle stesse toghe rosse ora, se c’è da farlo, rimetteranno in moto la macchina della democrazia, come il genitore che ripara personalmente al danno del figlio cretino; e noi ricorderemo solo le urla scomposte del bambino che ha preso quella sberla che i bambini piccoli si pigliano quando fanno le cretinate. Non proprio la degna figura del primo partito del paese.

3 Responses to “La sindrome del bambino viziato”


  1. 1 Piero Iannelli 3 marzo 2010 alle 6:07 pm

    Guarda.. tutto sommato.. in fondo in fondo.. ti dò ragione.
    E onestamente neanche mi spiace più di tanto.
    I motivi sono molteplici.
    1′ è vero che sono stati dei dementi e passarla franca significherebbe aprire un pertugio nella legge.

    Ora è capitato al “pdl” poteva benissimo capitare al “pd”..

    2′ La polverini ha candidato un ex-assessore di marrazzo, ma significativo è cosa fece questo assessore..:

    Alessandra Mandarelli assessore della giunta Marrazzo.
    “La Mandarelli si e’ distinta per aver affossato la carta senior -provvedimento di tutela sociale istituito proprio dalla giunta Storace- e ora la Polverini la fa entrare nella sua lista in pompa magna e in spregio ad ogni coerenza verso gli elettori”

    Comunque vada.. son con PERNACCHIA!
    Siamo alla frutta a questo punto:
    .. TINTO BRASS e il suo programma eros e libertà…

  2. 2 Fiandri 4 marzo 2010 alle 8:43 am

    Sono completamente d’accordo. Quando è la stessa legge a prevedere le conseguenze del mancato rispetto di una norma (invalidità, inammissibilità, o altre conseguenze “tombali”) non si tratta di forma, ma di sostanza, e spesso è la sempre la legge a prevedere che le irregolarità formali siano sanabili, che è un po’ come chiamare la sostanza in soccorso della forma. Ma è la legge a farlo, e qui non c’è niente del genere.

    Aggiungo un paio di considerazioni. La prima è che l’unico modo per invocare una deroga alla norma consisterebbe nell’invocare una forma di caso fortuito o forza maggiore, insomma un evento esterno che rimettesse in termini il deposito. E lo hanno fatto. E, purtroppo, senza le facce imbarazzate di cui parli. Se vedi La Russa in questi giorni lo senti raccontare la storia dei rappresentanti radicali che avrebbero fisicamente impedito la consegna delle liste (per rimanere nel tuo parallelo “la colpa è sua! Mi ha picchiato!”). Al riguardo, magari non hanno forza probatoria ma richiamo le imbarazzanti dichiarazioni di Milioni (http://www.corriere.it/politica/speciali/2010/elezioni/notizie/roncone-Io-minacciato-non-mi-hanno-fatto-rientrare_83ad091c-250d-11df-98c5-00144f02aabe.shtml) ed il filmato appena pubblicato sul deposito delle liste (http://video.corriere.it/?vxSiteId=404a0ad6-6216-4e10-abfe-f4f6959487fd&vxChannel=Dall%20Italia&vxClipId=2524_c2d00c12-2700-11df-b168-00144f02aabe&vxBitrate=300). Ci vuole un bel coraggio ad andar lì con la bava alla bocca a gridare allo scandalo.

    La seconda è l’altro rimedio, quello al quale fanno ricorso spesso ed al quale probabilmente faranno ricorso anche ora, cioè cambiare le norme a posteriori. Un decreto interpretativo che dice che le norme in realtà non erano quelle. Nel tuo parallelo sarebbe “ora chiamo mio cuggino che ve mena”.

    Ah, poi c’è un altra strada, tutta da verificare, che è quella dei precedenti. Pare che vogliano richiamare un provvedimento del 1995 di Scalfaro, che prorogò i termini (http://www.ilsussidiario.net/News/Politica/2010/3/4/ELEZIONI-3-E-cosi-Scalfaro-nel-95-rimedio-al-pasticcio/70683/). Un po’ come dire “però quella volta con loro l’hai fatto!”. Quello che non dicono, o che al massimo si lasciano scappare ma così, appena di straforo, come se fosse un dettaglio insignificante, è che le proroghe si concedono prima della scadenza dei termini, non dopo che questi sono decorsi. Come avvenne appunto nel 1995. Piccola differenza.


  1. 1 iMille » Blog Archive » La sindrome del bambino viziato Trackback su 3 marzo 2010 alle 6:01 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

marzo: 2010
L M M G V S D
« Feb   Apr »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: