Riecco Gelmini

I regolamenti ministeriali sul riassetto dei licei potrebbero essere definiti “la parte buona” della legge 133: e comunque, non del tutto.

La sostanza del provvedimento è la razionalizzazione delle sperimentazioni scolastiche, che erano diventate, da sperimentali, molto spesso permanenti, in vari casi giustamente (inglese sui 5 anni del liceo, indirizzo linguistico). La riforma procede a un riassetto di esse, individuando sei filoni di studi superiori, e garantendo una quota rilevante di autonomia ad ogni istituto, per attivare quei corsi particolari che essi ritengono opportuni.

Il che, va notato, porterà, se possibile, a una maggiore complicazione del quadro, visto che si conferma il metodo per cui ogni singola scuola potenzia il proprio piano dell’offerta formativa e quindi, in definitiva, ogni istituto sarà diverso e non ce ne saranno due uguali sull’intero territorio nazionale. Si badi bene, ciò non è per forza sbagliato: sarà solo molto confusionario e complicato per le famiglie. L’autonomia scolastica, se ben regolamentata, può funzionare, anche perchè l’alternativa sono le scuole fatte con lo stampino. E io, fossi preside di un liceo classico, userei le ore a disposizione per inserire l’insegnamento del Diritto come curricolare per tutti i corsi: perchè è folle che uno studente umanistico non sappia niente di diritto, e perchè i tre quarti degli iscritti a Giurisprudenza vengono dal classico, e un motivo ci sarà.
Immagino che di idee particolari come la mia ce ne siano in giro per l’Italia, e non vedo perchè non valorizzarle, se ciò è possibile non a discapito delle altre materie e della didattica.

Ciò che è inaccettabile, invece, è che con la razionalizzazione del quadro orario si vadano a perdere ore e cattedre, facendo rientrare i tagli dalla finestra: e che si finisca a tagliare proprio dove ce n’è meno bisogno, ai tecnici e ai professionali.
Questa tendenza è pericolosa, e lo dico da studente di liceo, perchè il disincentivo all’istruzione tecnica e professionale è, semplicemente, una cosa sbagliata: e deriva da una falsa impostazione che è metà Gentiliana e metà falso-sinistroide, ovvero il ritenere che al tecnico ci vanno i poveri e che quindi sia necessario offrire a tutti il liceo.

Non è vero, ed è poco lungimirante un impostazione del genere. Bisogna creare nel nostro paese un sistema di istruzione tecnica e professionale che sia veramente di altissimo livello, e che, fatta salva per tutti la possibilità di accedere all’università (capitolo a parte quello sull’effettiva realizzazione del diritto allo studio), garantisca a chi la sceglie uno sbocco professionale immediato e qualificante. E’ un impostazione pecionamente e falsamente egualitaria, e dunque molto poco di sinistra secondo me, il credere che chi va al tecnico e al professionale sia o un poveraccio o un minus habens. Io ho grande rispetto di chi sceglie un percorso di studi di questo tipo, perchè impara a fare cose che io non sarei mai in grado di fare.

Per questo i tagli del monte ore degli organici al tecnico e al professionale sono l’ennesima iattura di un disegno di riforma della scuola che finirà per livellare i nostri studenti verso il basso, e non verso l’alto.

3 Responses to “Riecco Gelmini”


  1. 1 Gianluca Aiello 5 febbraio 2010 alle 11:51 am

    Da ex studente di un tecnico commerciale non posso che essere daccordo con le tue osservazioni.
    Perfino l’industria italiana che cerca di puntare sulla qualità per la concorrenza, fa fatica a trovare personale tecnico specializzato. Questo perchè la formazinoe punta ai corsi di formazione più che alla scuola tecnica di base.
    Sempre peggio, sono daccordo.

  2. 2 Marino 5 febbraio 2010 alle 12:37 pm

    Gli istituti tecnici sono pari ai licei e debbono restarlo. E’diminuendone l’importanza che si introduce la discriminazione. Chi avrà bisogno di lavorare prima o non potrà permettersi l’università, andrà lì perchè fa prima, e sarà discriminato

  3. 3 batta 7 febbraio 2010 alle 12:26 am

    Sono d’accordissimo sul Diritto nel liceo classico! Io ho fatto il classico e poi giurisprudenza, e mi stupisco ancora di come chi va in un istituto tecnico faccia qualche ora di diritto, al contrario di chi dovrebbe essere un “umanista”.
    Ho sempre pensato che, per non sacrificare altre materie, si potrebbe offrire come alternativa all’ora di religione: secondo me avrebbe molto successo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

febbraio: 2010
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: