E non c’è niente da abolire

[per ItaliaFutura]

Su Il Foglio di Lunedì 23 novembre il direttore Giuliano Ferrara sollevava il tema del reato di concorso esterno in associazione di tipo mafioso, con queste parole: “L’unica [per Berlusconi e Dell’Utri, ndr] è difendersi da quella fattispecie di reato surreale e balorda, che aggrava il già osceno facilismo con cui si pratica in Italia, tra i pochi paesi al mondo così radicalmente borbonizzati, il reato associativo”.

Le parole non sembrano essere equivocabili: il Direttore sta invitando l’attuale maggioranza ad aprire una seria discussione parlamentare sul tema di questa discussa fattispecie.

C’è da dire in effetti che il reato di concorso esterno in associazione di stampo mafioso non esiste nel codice penale; esso è frutto di una creazione giurisprudenziale, mediante un combinato disposto fra gli articoli 110 e 416-bis del C.P.: dunque, questa fattispecie non trova fondamento in una legge. Fu elaborata per la prima volta nel 1994 con la celebre sentenza Demitry (Sezioni Unite Penali della C.C., 5/10/1994), in cui il Supremo Consesso stabilì che il concorrente esterno dovesse essere colui al quale l’organizzazione mafiosa “si rivolge sia per colmare vuoti temporanei in un determinato ruolo, sia, soprattutto, nel momento in cui la ‘fisiologia’ dell’associazione […] stia attraversando una fase patologica che, per essere superata, richieda il contributo temporaneo […] di un esterno” (così su Lineamenti di diritto penale, Luigi Tramontano).

La giurisprudenza sul tema si è poi evoluta, arrivando ad escludere che la rilevanza del concorso esterno sia ravvisabile nei soli casi di “patologia temporanea” delle associazioni mafiose, precisando che la figura del concorrente esterno possa ravvisarsi ogniqualvolta un soggetto, sebbene sprovvisto di quella affectio societatis che ne farebbe un affiliato a pieno titolo, agisca rendendosi “compiutamente conto dell’efficacia causale del suo contributo, diretto alla realizzazione, anche parziale, del programma criminoso del sodalizio”.

Questa – assolutamente non esaustiva – panoramica solo al fine di sottolineare che non sarebbe possibile “abrogare” per vie parlamentari il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, se una misura di questo genere è ciò che il direttore Ferrara invocava nel suo articolo: e ciò perché il Parlamento scrive e abroga leggi, di sicuro non sentenze, anche qualora queste ultime “creino” reati.

Ovviamente, il legislatore potrebbe agire; anzi, sarebbe auspicabile che lo facesse. Ma, vorremmo sperare, non nel senso di un depotenziamento di questa figura di reato, arrivando a stabilire con atto normativo che il concorso esterno in associazione mafiosa non debba rilevare penalmente (e non è, pare, un’ipotesi così peregrina, visto che è riportata anche da alcuni quotidiani).

Tale fattispecie è di primaria importanza per la lotta alla mafia: si tratta, infatti, di assegnare rilevanza penale a tutta quella serie di comportamenti effettuati da soggetti che, seppur estranei all’organismo criminale, contribuiscano al rafforzamento del sodalizio mafioso, permettendo l’espansione dell’organizzazione nel tessuto sociale e politico-economico, generando consenso intorno alle sue azioni. Un esempio: il giornalista che attraverso campagne di stampa violente attacchi quei pubblici ministeri che abbiano posto sotto inchiesta il boss locale.

Il Parlamento dovrebbe, dicevamo, prendere di petto la questione, togliendo la Corte di Cassazione dall’imbarazzo di doversi improvvisare legislatore. Si dovrebbero stabilire criteri e paletti per l’individuazione del concorrente esterno nel sodalizio mafioso, al fine di evitare incertezze e di precisare questioni di non secondaria importanza, quale la natura dell’elemento soggettivo del reato – ovvero, se basti un dolo generico, o se sia richiesto il dolo specifico.

Soprattutto, e l’argomento è risolutivo, vedere individui condannati per figure di reato non specificamente previste da una legge è in palese contrasto con l’articolo 25 della Costituzione, che stabilisce una riserva di legge per il reato penale. Certamente un combinato disposto di norme è legittimo, ma sarebbe meglio arrivare a mettere un punto chiaro e incontrovertibile su questa situazione.

2 Responses to “E non c’è niente da abolire”


  1. 1 Alessandro 5 dicembre 2009 alle 1:14 pm

    D’accordo con te su praticamente tutto. Se mi permetti, l esempio del giornalista io lo eviterei, se non altro per la difficoltà a dimostrare il dolo del giornalista stesso. In pratica, correggimi se sbaglio, bisognerebbe avere, a lvivello probatorio, l’intercettazione con il boss o chi per lui che ordina al giornalista di attaccare il P.M. o prove altrettanto incontrovertibili, nonchè dimostrare la consapevolezza del giornalista di avvantaggiare il boss o l’organizzazione mafiosa. Credo che in questo caso avrebbero vita facile gli avvocati difensori a far passare le vicende per semplice libertà di informazione o espressione, oppure ignoranza dell’appartenenza criminale del soggetto. Maggiori possibilità si avrebbero nel caso degli imprenditori che fanno affari illegali sapendo benissimo di farli (vedi il caso rifiuti); certo, si viaggerebbe sul filo del rispetto dei principi propri del diritto penale che tu hai richiamato, ma con una buona formulazione legislativa sarebbe possibile codificare espressamente anche il concorso esterno direi.

  2. 2 Tc 5 dicembre 2009 alle 5:30 pm

    si, è un esempio fra i tanti, non necessariamente il più corretto.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

dicembre: 2009
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: