Argomenti risolutivi (e disgustosi)

Tranquilli: non si andrà ad elezioni nel breve periodo. Non finchè i parlamentari di prima legislatura non avranno maturato la pensione. Ovvero, essendo la XVI legislatura iniziata il 29 aprile 2008, bisognerà aspettare almeno ottobre 2010 (due anni, sei mesi, un giorno: metà legislatura). Il complicato marchingegno delle norme qui in gioco ce lo spiega Calderoli, che chiarì come agisce il Parlamento riguardo queste faccende già nella scorsa legislatura.

Edit. Al di la del come al solito piacevole dibattito sulla solidità delle diverse legislature, che si sta sviluppando nei commenti, ci fanno sapere che è intervenuta una modifica normativa che rende inefficace l’argomento: ad oggi il vitalizio si riscuote solo dopo “cinque anni di mandato effettivo”.

6 Responses to “Argomenti risolutivi (e disgustosi)”


  1. 1 Francesco 18 novembre 2009 alle 5:57 pm

    Ma non si diceva lo stesso del governo Prodi, con tanto di conto alla rovescia? E quando è caduto il governo Prodi?

  2. 2 surace marco 18 novembre 2009 alle 7:05 pm

    come ricorda giustamente Francesco (che non ne sbaglia una), è un’idea su cui scommettevano Grillo e i Grillini relativamente al Governo Prodi, con tanto di countdown sul suo blog. E ha perso la scommessa.
    Se inseguiamo Grillo e Calderoli, non andremo lontano…

  3. 3 Tc 18 novembre 2009 alle 9:26 pm

    ammetto e non dubito che sia un argomento forse populista e qualunquista (infatti c’è scritto che è disgustoso 🙂 ) che ammette prova contraria. fatto sta che questa è una legislatura con un grandissimo numero di deputati neoeletti – quasi la metà alla camera, un terzo al senato. anche se è già successo altre volte, e va detto, l’argomento è comunque rilevante, trovo.
    per quanto riguarda il governo prodi, come francesco sa bene, la composizione dei gruppi parlamentari e la “forza” della legislatura era certamente diversa. quanti paragoni si possono fare fra il XV parlamento e il XVI parlamento? molto pochi, direi. credo che sia indubitabile che davanti a una crisi di governo, in questo parlamento una nuova maggioranza sarebbe molto più facilmente rintracciabile.
    certamente si può obiettare che anche quella legislatura, la precedente, si poteva tenere in piedi avendolo voluto: non sarebbe stato facile come adesso, però.

  4. 4 assòcrate 19 novembre 2009 alle 3:01 pm

    Ciao,
    bel blog!
    st’argomento e’ attizzoso e comunque a penza male noi peccatori ci si azzecca: si sa la ragione e’ diabolica, ragionare e’ peccato… questo ci ricordano i crocefissi al muro:la sottomissione a un potere capillarmente impiccione comew solo può essere il monopolio del fantastico. aka spirituale
    (il buono e’ il politicante…)
    passavo di quà….
    giò

  5. 5 Fabrizio 23 novembre 2009 alle 10:49 am

    Non si andrà alle elezioni perché Silvio non può deciderlo. Al massimo può dimettersi. In tal caso Napolitano potrebbe dare l’incarico a Fini e la bomba-merda scoppierebbe in faccia al Berlusca.

    Quindi Silvio opererà nel solito modo: continuerà a regalare grosse fette di culo (nostro) a chiunque possa sostenerlo.


  1. 1 Tranquilli: non si andrà ad elezioni nel breve periodo. Non finchè… – Indizi dell’avvenuta catastrofe « L0cutus’s Blog Trackback su 18 novembre 2009 alle 4:46 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

novembre: 2009
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: