Almeno i danni

Nella sentenza sul Lodo Mondadori un giudice terzo e indipendente, laureato in legge, vincitore di pubblico concorso, servitore dello stato, ha affermato che al di la eventuali reati, il fatto che Mediaset abbia “scippato” la Mondadori a De Benedetti ha creato una situazione di svantaggio non meritato a De Benedetti stesso, che merita di essere se non altro risarcito del danno. E che i soldi li deve sborsare Berlusconi perchè era al vertice del meccanismo corruttivo che ha, alla fine, provocato lo scippo.

Dove è il complotto, in tutto questo? Il presidente del Consiglio per ora non può essere processato in sede penale: ok, vabbene. Al di la delle sue responsabilità personali gli si chiede almeno di risarcire finanziariamente alcuni danni che ha contribuito a creare. Il processo civile non afferma nulla di infamante: se c’è un danno, il danno si paga. D’altronde  i legali del premier dovrebbero saperlo questo, visto che hanno querelato due giornali in sede, appunto, civile, non per verificare se esistessero responsabilità concrete ma per chiedere il risarcimento dei danni.

Tutto questo è un complotto paragolpista, dicono. Fatevi un giretto su Spazio Azzurro, la bacheca dei simpatizzanti PDL, dove si leggono amichevoli minacce a diverse categorie umane, raggruppate sotto una immaginaria bandiera di inesistente antiberlusconismo ( “giudici, comunisti, preti, cattocomunisti stanno tirando la corda” [sic]; “magistrati rispettate la volontà di tre milioni di italiani” [!!]). Ora: il capo del governo non sta per andare in galera, e non sta venendo rovesciato. E’ come se avesse rotto un vetro: dovrà o non dovrà pagare i danni, almeno? E’ l’uomo più ricco di Italia, può permetterselo.

Inoltre è una sentenza di primo grado, peraltro civile, quindi non conta moltissimo. Anche questo andrebbe spiegato un po’ meglio: gli avvocati di DeBenedetti sono riusciti a convincere il giudice che a) esiste un danno da risarcire, b) che questo danno lo deve pagare Berlusconi perchè è “corresponsabile della corruzione”. I legali del convenuto, ovvero il premier, non hanno saputo evidentemente convincere il giudice del contrario: e questo è un problema loro. Dove è il golpe, in tutto questo?

10 Responses to “Almeno i danni”


  1. 1 andrea sacchini 5 ottobre 2009 alle 7:14 pm

    >Dove è il complotto, in tutto questo?

    Complotto? Sei rimasto un po’ indietro. Stamattina Il Giornale parlava addirittura di golpe! (http://tinyurl.com/yeje2q4). Comunque non preoccuparti, c’è chi ha già pensato a una bella colletta… (http://tinyurl.com/yclzpr8) 🙂

  2. 2 anellidifum0 5 ottobre 2009 alle 7:28 pm

    Nell’ottica di chi appoggia il Sultano-Caudillo, il golpe è nel fatto che si OSA giudicare un atto compiuto dall’intoccabile. Berlusconi ha corrotto i giudici per rubare la Mondadori a De Benedetti? Sticazzi, lo faceva per il proprio interesse. Chi di noi non l’avrebbe fatto, potendolo fare?

    Questo è il modo in cui ragionano lorsignori.

    Ed è il motivo per cui prima o poi andremo alla guerra civile.

  3. 3 isaroseisarose 5 ottobre 2009 alle 9:18 pm

    Quello che dice questa gente non va preso sul serio, secondo me.
    In primis perche’ non ci credono nemmeno loro. E’ mera strategia elettorale, vittimismo comunicativo che tanta fa bene allo share e alle urne. Tutto li’.
    Lo sanno anche loro che non c’e’ nessunissimo golpe nel chiedere i danni, che anzi la richiesta di danni e’ il meno che gli puo’ succedere.
    Magari avessimo una destra seria: avremmo di fronte un avversario politico che crede onestamente, limpidamente, correttamente a quello che dice. Ma cosi’ non si puo’ ragionare.

  4. 4 fabio c. 5 ottobre 2009 alle 11:15 pm

    Grazie per il post, veramente chiaro e non banale. Come suggeriva Andrea Sacchini, ilGiornale oggi ha parlato di “golpe”. Come ho cercato di mostrare in questo articolo (http://ilnichilista.wordpress.com/2009/10/05/vittorio-feltri-e-il-golpe-alla-memoria/) l’unico vero golpe è quello che Feltri opera alla sua (e alla nostra) memoria.

    Buon lavoro e a presto,

    Fabio Chiusi

  5. 5 Mario 5 ottobre 2009 alle 11:35 pm

    Come può essere la sentenza del 1991 frutto di corruzione se è stato corrotto un giudice su tre? Non c’erano i presupposti per collegare direttamente la corruzione portata avanti da Previti al risultato della sentenza del 1991. Non a caso i giudici hanno già condannato Previti, condannato il giudice ma lasciato inalterata la sentenza sul lodo Mondadori.
    Inoltre, che bisogno c’era di rendere la sanzione a Fininvest immediatamente esecutiva? Hai detto giustamente che è una sentenza di primo grado, ma intanto le azioni della Cir di De Benedetti volano in borsa, chi si sta avvantaggiando di tutto ciò?

  6. 6 Tc 6 ottobre 2009 alle 7:27 am

    è stata già chiesta la sospensiva della esecutività dai legali fininvest, tutto questo rientra nella normale prassi giuridica. per quanto riguarda la sentenza del 91 essa non è stata ribaltata perchè, direi, è una sentenza passata in giudicato e quindi non è per definizione ribaltabile, per esigenze di certezza del diritto. anche se è stata decisa una cosa sbagliata, quella cosa resta.

  7. 7 mario 6 ottobre 2009 alle 11:10 am

    l’immediata esecutorietà della sentenza di primo grado è prevista dalla legge, e dovrebbe anche essere un modo per sveltire i processi civili.

  8. 8 anellidifum0 7 ottobre 2009 alle 8:13 am

    Mario, cioè tu stai davvero sostenendo che una sentenza del 1991 (millenovecentonovantuno: del millennio passato, del secolo passato, di 18 anni fa: d i c i o t t o) non aveva ragione di vedere la sanzione civile, arrivata appunto a distanza di 18 ANNI immediatamente esecutiva?

    Cosa volevi, che CIR aspettasse altri 18 anni, prima? In modo da non avvantaggiarsi troppo del fatto che i giudici hanno riconosciuto che:

    a) Mondadori fu rubata da Fininvest
    b) che Berlusconi corruppe un giudice per rubarla
    c) che il gruppo CIR ha subito un danno della madonna che si è ripercosso economicamente (e aggiungo io: politicamente) lungo questi 18 anni

    E poi, cosa diavolo vuoi dire quando scrivi che Berlusconi ha corrotto “solo” un giudice su tre? Non è abbastanza? Bisognava corromperne almeno due, per essere condannati per corruzione di pubblico ufficiale, secondo te?

    Ma lo sai che negli Stati Uniti per un reato del genere sbattono il reo in galera per 40 anni? E condanne analoghe sono in vigore in tutto il Mondo?

    Proprio senza ritegno, eh Mario?

  9. 9 Mario 7 ottobre 2009 alle 11:20 am

    Il rimborso danni era necessario e sacrosanto perché un avvocato della Fininvest “ha giocato sporco” corrompendo un giudice. Ma non si può dire che la decisione del 1991 è frutto di quella corruzione perché nella sentenza penale non c’è scritto questo.
    Il succo del discorso è che anche senza corruzione Mondadori sarebbe finita a Berlusconi, quindi non si può quantificare un danno così grande dicendo che De Benedetti non ha avuto la Mondadori come gli sarebbe spettato. La Mondadori non la avrebbe avuta comunque, ma ha diritto ad un rimborso perché la Fininvest ha provato a falsare il giudizio del Tribunale.

  10. 10 anellidifum0 7 ottobre 2009 alle 6:27 pm

    Quindi tu ritieni che Previti abbia corrotto il giudice in favore di Berlusconi per sua iniziativa personale, per fargli un presente, in pratica, e che Berlusconi non c’entri nulla.

    Interessante punto di vista. Suggerisco per il prossimo presente di tornare alla cravatta di Marinella. Questa qui, alla fine, è costata un po’ tanto a Berlusconi.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

ottobre: 2009
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: