Basso impero

Parliamo di candidature, di veline, di luminarie da palcoscenico, di schifezze, di imperatori. Sono fuori tempo, ampiamente, ma è tutta la settimana che ci penso e scrivo ora.

A me piacerebbe invertire la prospettiva. Penso che sarebbe la strada giusta.

Qualunque bella ragazza con gran davanzale e prodiga di prestazioni sessuali deve avere il diritto, in un paese civile, di candidarsi anche alla Presidenza della Repubblica, se ritiene di farlo (che poi, lo stereotipo è la velina, al femminile – e noi volentieri seguiremo questo maschilismo imperante). Ma allo stesso modo deve essere garantito al cittadino il diritto al disgusto; devo essere messo in grado di compatire il partito che l’ha candidata e di non votarlo (e fino a qui, grazie al cielo ancora, ci siamo). Il passo successivo è la chiave del problema ed è, ancora una volta, un problema culturale.

Un partito vuole candidare una velina in modo assolutamente convinto, credendo nella bontà della scelta; e qui, capiamo tutti che è una questione relativa, si può fare e lo facessero.
Un partito ritiene conveniente candidare una velina o un volto noto di qualche genere per, appunto, un problema di notorietà. Per stare sulle notizie di questi giorni, le circoscrizioni elettorali delle elezioni europee sono grosse, e prendere voti su quattro regioni non è facile: una faccia già vista, un cognome conosciuto, e la vecchietta vota. Questo, se necessario, anche fregandosene della qualità della persona che vai a candidare.
Per fare politica invece la qualità serve, o, diciamo, dovrebbe servire. Fare politica è, o, diciamo, dovrebbe essere, un lavoro, una necessità civile, un bisogno della collettività e una forma d’amore verso la propria comunità. per tutto questo servono o, diciamo, dovrebbero servire non so, qualità umane, trasporto verso gli altri, grandezza d’animo; conoscenza almeno non superficiale del territorio che vai a rappresentare; e competenze specifiche per agire sulla vita delle altre persone con un minimo di giudizio. C’è chi dice che la formazione politica di tipo tecnico-operativo sia di secondaria importanza; a me un discorso del genere sembra cretino.

Quindi, dicevo, il passo successivo deve essere quello di lasciar libero l’elettore di votarsi il suo candidato, anche all’interno di un partito che candida bonazze per raccattare voti. Per fortuna per le Europee ci sono le preferenze, e io, non voterò veline: si candidi chi gli pare. Se poi con le preferenze abbiamo un problema di voto pilotato dalla mafia, e non sono barzellette, si passa al problema giustizia, che è una parte non piccola della questione generale, ma non è l’argomento, qui.

Ora l’indignazione benpensante si scaglia invece contro chi ci casca, ovvero con chi vota il partito proprio perchè è candidata la bella ragazza che ha visto l’altra sera in TV: ah, che paese pressappochista, ma come si fa, ma come si fa, sono indignato. Questo è un modo di fare che lascia il tempo che trova, principalmente perchè non mira a risolvere il problema: che si può risolvere, invece. Potremmo spiegare la situazione, se c’è qualcuno a cui va spiegata, e metterla così: elettore velinista, probabilmente stai votando un’incapace che farà leggi sbagliate sulla tua pelle e su quella della tua ragazza. In questo momento stai decidendo chi deve decidere al posto tuo in futuro: fidati, fai attenzione.

Il problema non è ballare in tv e candidarsi, il problema è un idiota che fa politica: mica per niente, perchè va a decidere sulla vita degli altri. Se poi, nonostante informati, si vota comunque per un idiota, magari è perchè si pensa che votare non serve a nulla, perchè le istituzioni che si hanno intorno non funzionano a dovere. Ci manca il senso dello Stato, magari sarà perchè lo Stato non è pervenuto.

Se ci tenessimo di più, al sistema intendo, anche solo perchè funziona benino, e ci fosse sempre consentito di mandare a decidere sulla nostra pelle chi diavolo riteniamo in grado di farlo, eviteremmo queste settimane pietose a parlare di veline candidate, cercando di non eccitarci mentre le guardiamo.

0 Responses to “Basso impero”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

maggio: 2009
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: