Budino

L’ultimo congresso di Alleanza Nazionale, che si avvia in questi minuti alla conclusione, è stato una noia mortale (come da unanime riconoscimento sui giornali di oggi). Facevano fatica a tenere la gente dentro il padiglione. Cercavo qualcuno con cui andarci, e alla fine, sono contento di non aver trovato nessuno. Anzi, qualcuno mi ha anche detto che non aveva piacere ad andare in un posto dove veniva archiviato per sempre e senza appello il Duce d’Italia: era un futuro militante del PDL.

I quadri dirigenti hanno passato una giornata e più a spiegare ai loro militanti che non sarebbe cambiato niente, e che potevano star tranquilli; la nenia non mi pare abbia attaccato. Tanto è vero che la standing ovation, più che ai vari “è giusto così” “una grande storia” “un partito nuovo”, è stata riservata all’unico oppositore che si è permesso di dire che la strada era sbagliata e che lui non si sarebbe mai sciolto.

Non è difficile solidarizzare con loro. Liquefarsi nel Berlusconismo non è facile neanche da pensare; terribilmente difficile per chi non più di vent’anni fa continuava a chiedersi come si poteva essere fascisti nel terzo millennio. Un partito reazionario è un partito inversamente progressista, o progressista all’inverso che dir si voglia; il berlusconismo è un fenomeno, invece, conservatore.

Nella peculiare variante italiana degli uomini di gomma, perfettamente descritti da Scalfari su Repubblica di oggi, che mirano a conservare non un qualche tratto vitale e fondante della società, ma che presentano come punti di forza le storture del paese, fanno dell’arte di arrangiarsi un vanto, del vivere per raccomandazione un fenomeno accettabile se non fisiologico. Se volevate ricostruire la gloria dell’Impero Romano, sareste incazzatelli pure voi.

E lo stesso Fini, applaudito solo perchè si, sembra un coraggioso esule in patria quando parla di futuro a persone che volentieri avrebbero vissuto di passato, quando gli chiede di abbandonare la propria presunzione di superiorità, senza la quale si chiedono probabilmente cos’altro gli resti. Sembrava l’ultimo congresso dei DS, ma con meno convinzione. Il che è tutto dire.

Invece al congresso del PDL, weekend prossimo, ce vado.

0 Responses to “Budino”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: