la lettura della costituzione

E chiariamola, la lettura della Costituzione. Diciamolo, che cosa vuol dire, urliamolo. Spieghiamolo a tutti. Magari!

Svuotiamoci i polmoni, per strada, a dire che il nostro è un Grande Paese per la grandezza della Storia che ci ha fatto nascere, prima ancora che per la Pizza e gli Spaghetti. Facciamola leggere a tutti la Costituzione, di nuovo e ancora : come quando fu promulgata, e doveva restare un anno esposta nelle Prefetture – e forse chissà, la gente passava e leggeva. Prima che sia troppo tardi, e che lui la distrugga definitivamente.

Filosovietica. Ispirata alla Costituzione Bolscevica – tutte cazzate. L’ha letta mai lui la Costituzione Bolscevica? Qualcuno sa di cosa sta parlando? Quella che diceva che la libertà di parola era garantita tranne nel caso di eversione, cioè quando non andava contro il Partito e contro il Comunismo – e quindi, libertà non ce n’era? Se fossimo sotto la Costituzione Bolscevica lui, proprio lui, ste boiate non le potrebbe dire, lo piglierebbero e lo sbatterebbero dritto in galera come Controrivoluzionario. Per fortuna non siamo sotto la Costituzione Bolscevica, perciò lui può dire le frescacce che gli pare, e a noi rimane di farci venire il sangue al cervello. 

Qualcuno vuole difenderla? Qualcuno vuole difenderci? 

“Io e lei, Onorevole Dossetti, potremmo dissentire su cosa sia la Persona Umana. Però concordiamo che lo Stato debba tutelarla.”. Chi è contro questa frase, alzi la mano e lo dica pubblicamente. Perchè questa fonda lo Stato in cui viviamo oggi. E non è mondezza da “rileggere”, è un monumento vivente da ricordare ogni giorno. Questa frase uscì dalla bocca di uno che era stato esule a Mosca per degli anni – Palmiro Togliatti, detta a uno che di Mosca proprio non ne voleva sentir parlare – Giuseppe Dossetti, un Prete, Cristo, un Prete! 

Furbo poi, perchè a parlare di “riforma della decretazione d’urgenza” il popolo bove non può che venirgli dietro – che ne sa, della decretazione d’urgenza, il popolo bove? Però nessuno spiega cosa vuol dire, nessuno si prende questa responsabilità.
Nessuno spiega che senza qualcuno che gli controlla i decreti, come ha fatto Napolitano esercitando un suo legittimo potere, il Governo è libero di fare quello che vuole della vita di ognuno di noi, senza nessun freno. Un potere completo e penetrante, una visione apocalittica. Qualcosa di mai sperimentato: fermatelo. Questo delirio deve finire.

1 Response to “la lettura della costituzione”


  1. 1 cecilia 8 febbraio 2009 alle 1:44 am

    siamo sempre allo stesso punto.Il problema è sempre lo stesso. Può essere che io e te vediamo un problema e pensiamo di risolverlo in modo diverso, e ci sta che io sia proprio convinta di essere nel giusto e anche tu. E ci sta pure che poi il problema lo risolviamo a modo mio, o a modo tuo, o troviamo un compromesso.Ma quando tu vedi un problema in una cosa che io ritengo valida, allora questo si che è un Problema.Quando dopo sessant’anni di elogi e riconoscimenti al documento che ha dato un senso alla Repubblica Italiana, uno si permette di dire – chiaramente con disprezzo – che il suddetto documento è filosovietico e che è da cambiare, c’è qualcosa che non va. Se poi questo ‘uno’ è il capo del governo, che dovrebbe volere il Bene Comune di cui la Costituzione è la più alta testimonianza, e invece non fa altro che ribadire giorno per giorno il suo completo disinteresse per la Nazione, inizio ad aver molta paura per il futuro di tutti noi. E mi sentirei di andare da ognuno, più persone possibile, a spiegare tutto questo,a scuoterlo e far capire, perchè nessuno può più dormire tranquillo, non più.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

febbraio: 2009
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
232425262728  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: