state calmi

Di Pietro indagato, già sento le mani dei reduci craxiani spellarsi per la contentezza. Attenzione, un paio di cose.

Prima, l’iscrizione nel registro degli indagati non porta di per se a nulla di concreto. L’unione camere penali l’ha denunciato, è normale che la magistratura verifichi – dunque, indaghi.

Seconda, paradossalmente tutto questo potrebbe risolversi in una mazzata per i denuncianti e una grande vittoria per il PM di Mani Pulite. L’articolo 278 del C.Penale dice che si becca fino a cinque anni di galera chi oltraggia l’onore e il prestigio del Presidente della Repubblica.

Signor Presidente, lo sa che questa mattina si sta cercando, ancora una volta, di farci lo scherzetto che è stato fatto a Piazza Navona? Credo che in una civile piazza dei cittadini italiani abbiano il diritto di manifestare. Si può non essere d’accordo su quanto abbiamo fatto e su quanto stiamo facendo, ma è un nostro diritto, garantito dalla Costituzione, poter dire che quello che fanno determinate persone non ci convince? Ci possiamo permettere, signor Presidente della Repubblica, di accogliere in questa piazza anche qualcuno di noi che non è d’accordo su alcuni suoi silenzi? Possiamo permettercelo o no? O siamo degli eversori? Siamo dei cittadini normali che ci permettiamo di dire a lei, signor Presidente della Repubblica, che dovrebbe essere l’arbitro, che a volte il suo giudizio ci pare poco da arbitro e poco da terzo. Lo possiamo dire o no? Noi la rispettiamo, abbiamo il senso delle istituzioni, vogliamo essere tranquilli. Oggi, un cittadino ha messo un manifesto, uno striscione, dove senza offendere nessuno dice “Napolitano dorme, l’Italia insorge”. Perché lo hanno sequestrato? Chi ha ordinato di sequestrare questo manifesto? Perché non c’è possibilità di manifestare senza bastoni, senza nulla? Stiamo semplicemente dicendo che non siamo d’accordo sul fatto che si lasci passare il lodo Alfano, che non siamo d’accordo sul fatto che si criminalizzino le persone che fanno il loro dovere, che non siamo d’accordo sull’oblio che hanno le istituzioni nei confronti di questi familiari delle vittime, che non siamo d’accordo nel vedere terroristi che vanno a fare gli insegnanti e informare a loro modo le cose, che fanno i saputoni e poi vediamo le vittime del terrorismo e della mafia che vengono dimenticate e abbandonate a se stesse. Lo possiamo dire o no? Rispettosamente, ma il rispetto è una cosa, il silenzio è un’altra: il silenzio uccide, il silenzio è mafioso, il silenzio è un comportamento mafioso. Ecco perché non vogliamo rimanere in silenzio. 

Questo è il testo pronunciato da Di Pietro a Piazza Navona che dovrebbe costituire fattispecie di reato.  Se l’avete letto avrete visto che c’è più di una manifestazione di rispetto verso il Capo dello Stato.
Al di là delle valutazioni di opportunità politica del criticare l’arbitro, tutto questo non configura a parer mio nulla di penalmente rilevante rispetto al prestigio o all’onorabilità di Napolitano. Anche la parte sul silenzio mafioso è evidentemente riferita a Di Pietro e alla piazza, nel senso di “se non parlassimo ci sentiremmo mafiosi”.

Non so cosa farà il Pubblico Ministero e quindi cosa deciderà il Giudice, ma allo stato delle cose esiste più di una possibilità che si arrivi a rapida archiviazione perchè il fatto non sussiste. Non è difficile capire che questa sarebbe una vittoria di Di Pietro, in barba a chi voleva scoglionarlo.

1 Response to “state calmi”


  1. 1 giuseppe 16 gennaio 2010 alle 12:28 pm

    ma và dà via il cul…

    Di Pietro col suo atteggiamento è un vero e proprio prevaricatore… vorrei vedere quanta voce hanno in capitolo le persone che collaborano con lui… secondo me si comporta come un vero e proprio dittatore con i suoi collaboratori. Infatti l’IDV è il partito dove chi decide tutto e gestisce l’intero patrimonio dei rimborsi elettorali (circa 5 milioni di euro le scorse elezioni) è un solo uomo.

    http://xavier.blogspirit.com/archive/2010/01/11/statuto-farsa-idv-contro-di-pietro.html

    Informati: Il coordinamento Nazionale del partito è fatto da sole tre persone: Lui, un suo familiare ed un suo fiduciario). Alla strafaccia del totalitarismo e della dittatura… bell’esempio di democrazia. Il Partito è mio, o sei dentro o fuori, qui comando solo io… questa è la sintesi.

    Poi vedi che lui è capacissimo di intimorire qualsiasi magistrato voglia cominciare ad indagare sui suoi uomini o su lui inquanto ha preparazione, esperienza e competenza di indagini (è stato coordinatore dell’informatizzazione della procura di milano ai tempi dopo appena prima del suo piano diabolico per far cadere i due più grandi partiti che impedivano di fatto l’ascesa del pds… con cui storicamente sono intrallazzati BOCCASSINI ILDA, FRASAVBORRELLI, ETC ETC.

    SVEGLIA RAGAZZO… Che i Politici rubassero ai tempi di Craxi lo sapevano tutti, anche D’Alema e Napolitano e Marino e tutta la cricca…. che i portaborse dei parlamentari lavorano in nero lo sapevano e lo sanno tutti… che in Italia non esistano regole etiche e morali prima che civili è sotto gli occhi di Tutti.

    Preferivo i Politici di un tempo… Alimentati illegalmente ma personalità di prestigio e cultura… Non il pattume politico di Oggi Rappresentato dai DiPietro dagli Amendola e dai Calderoli e dai Berlusconi…

    SVEGLIAAAAAAAAAAA


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

febbraio: 2009
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
232425262728  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: