e mo, co sti manifesti, fatece l’aereoplanini.

( ora e sempre, Francesco Tullio Altan. questa è la sintesi del problema da dieci anni a questa parte. )

Continuiamo a sparar cazzate su come è andato e non andato questo voto, ora che tanto non conta più nulla le frescacce che diciamo per metabolizzare la sconfitta.
Mi piace parlare di politica,soprattutto con le persone che mi ascoltano, perchè mi fanno inquadrare bene i termini del problema. E quindi ringrazio chi in questi giorni ne parla con me, pure se mi fomento e travolgo.

Perchè abbiamo perso. Questo io non lo so, posso fare delle ipotesi, che coinvolgono in gran parte quello che siamo, quello che siamo stati, e quello che dovremmo essere ora.

Insomma, mi sto convincendo di varie cose. Primo fra tutti che scontiamo tanti e tanti anni di errori, errori nostri e non di altri, errori da affrontare e da risolvere. Subito, prima che sia troppo tardi, e in questo lungo, lunghissimo periodo di opposizione che ci attende. Sarà un travaglio duro, sarà un travaglio non breve, sarà una prova necessaria per noi.
Mi sto convincendo che perdiamo perchè parliamo male alla gente.Insomma, guardiamo i numeri, storicamente quando mai un singolo partito di sinistra, una singola forza di governo, un centro della coalizione, insomma, prima il PCI, poi l’Ulivo, ora il PD : le grandi forze che da sole si candidavano a governare da sole il paese, o che erano il baricentro grosso delle coalizioni di governo, dicevo quando mai sono andate oltre il 40%? Mai.

Ne deduciamo che in questo paese, la sinistra di governo, la sinistra che si candida a governare e che potrebbe, in caso di vittoria, farlo da sola e con dei risultati visibili non supera il 30%.
Perchè? Possiamo dircelo, perchè questo come spiega lucidamente Michele Serra a cui mi richiamo ancora ( leggere il commento al post precedente ) è un paese lievemente a noi avverso. Conservatore in fondo in fondo, parrocchiano. E non c’è niente di male.

Bing bing bing Bingo! Affermazione pesante eh? Non c’è niente di male ad essere un paese di destra. Ehi, la Francia è un paese Gollista e Bonapartista, nonostante tutta questa gauche.
Allora però, questa situazione va accettata. L’abbiamo combattuta in tutti i modi. Col GrandePartito. Colla GrossaCoalizioneDelleForzeProgressiste. Colla GrandeCoalizioneDelleForzeAntiBerlusconi. Col PartitoNuovo. Abbiamo sempre preso botte, o governato e preso botte, o governato, fatto cagare e preso botte. Preso botte.

Perchè noi ci meritavamo di governare. Noi siamo la sinistra : LA SINISTRAAA! Dateci il governo, noi siamo meglio di loro : MEGLIOOOO! Guarda quanto siamo intellettuali. Guarda quanto amiamo il popolo. Guarda quanto lavoreremo per il popolo! Noi siamo meglio di loro!

Bing bing bing Bingo! Solo che ” loro ” è ” voi”. Fateci governare, noi siamo meglio di voi.

Chiara l’equazione : l’Italia è un paese di destra, noi siamo meglio della destra dunque meritiamo di governare, noi siamo meglio di loro ( la destra ), la destra è il paese, noi siamo meglio del paese ( di questo paese di destra ), noi siamo meglio di voi.

Allora a questo punto potete anche dirmi che ho torto. Ma porco giuda, abbiamo sempre perso. Sempre. O iniziamo una seria autocritica su chi siamo e come parliamo al mondo, o ci rifugiamo nel dire che noi siamo e saremo sempre meglio di loro. E lo siamo, ne sono convinto, ma se la scelta è affermare questo e governare io preferirei governare.

E per fare questo bisogna ripartire. Da sinistra.

Perchè la lega ha preso tutti i nostri voti?
Perchè la sinistra ( quella di governo ) lascia scoperto il fianco. Non c’è più nelle fabbriche….sentite, io volevo stare qui a parlare di una realtà che non conosco come quella delle fabbriche, e dire che la sinistra non va più nelle fabbriche e lascia i consigli di fabbrica ai rifondaroli e che è scandaloso che il sindacato sia filogovernativo e cinghia di trasmissione e formazione dei dirigenti della sinistra perchè il sindacato deve rappresentare i lavoratori e non arrendersi al governo qualunque esso sia…
…però il fatto è che non conosco ne la fabbrica ne il sindacato e quindi non lo dirò.
Però il fatto è che la lega s’è presa i nostri voti, quindi mi permetto di pensare che debba essere perchè [ vedi sopra ].

Linguaggio nuovo per la sinistra. Stiamo perdendo Roma? Veltoni vinse col 66. Rutelli è fermo al 44: sono VENTI PUNTI. VENTI!VENTI!
Certo, forse Veltroni avrebbe dovuto reimpostare la sua tabella delle priorità : la notte bianca è da paura ma anche Roma è molto sporca. Le paline dell’autobus sono una grande invenzione ma anche come ho sentito dire da Cazzullo in televisione, è ridicolo che la sinistra parli di immigrazione in questi toni, perchè l’immigrazione selvaggia la scontano soprattutto le classi povere. Che se ne lamentano, eccome.

Eh ma questi non sono i problemi…il socialismo, il socialismo, il grande partito! oppure una grande forza riformista, l’italia ne ha bisogno!”

Non si risolvono così i problemi.

Ora il PD ha un compito storico. Ricucire con la sinistra, con tutta la sinistra .Ma non con Bertinotti & Co :parlare con la gente.La gente di sinistra, la gente che vota PD, la gente che può votare PD, e, vivaddio, anche la gente che non ne ha la minima intenzione. Che potrà succedere? Magari ci votano.
Metterci la faccia. Perchè non ce la mette, giuro. Si riparte dalle sezioni e dai circoli.

Ogni elettore di sinistra ora ha un solo riferimento in Parlamento : il Partito Democratico Italiano. Una forza moderna di sinistra di governo. A noi.

0 Responses to “e mo, co sti manifesti, fatece l’aereoplanini.”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

aprile: 2008
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: