Posts Tagged 'primarie'

Bersani-killer e la rottamazione dove non te l’aspetti

cattolici-in-politica-bersani-e-mons-fisichel-L-KxUWkT

Mentre nel centrodestra continua il circo, c’è da dire che questa storia delle primarie dei parlamentari indette da Bersani, in un weekend sufficientemente scomodo per la partecipazione popolare, rischia di rivelarsi una vera e propria promozione/rottamazione (involontaria?) proclamata dalla segreteria nazionale, ai danni di ranghi, livelli e truppe cammellate locali del Partito Democratico, su quei territori che vanno al voto, in contemporanea, per politiche e amministrative.

Mi spiego meglio. So da fonti abbastanza attendibili che uno dei candidati alla corsa delle primarie a sindaco di Roma, che in questi ultimi tempi si era affacciato dichiarando la sua intenzione di partecipare alle primarie, se la sarebbe rimangiata, pronto ad infilarsi, invece, nella partita del Parlamento. Io non so se questa cosa sarà poi vera: ma se ci pensate, tutto torna; sopratutto se confrontata con l’attivismo, frenetico, che sta caratterizzando i parlamentari di primo pelo, terrorizzati e confusi, senza una bussola che gli indichi dove andare a trovare i voti necessari per un reinserimento in lista.

Già, perché la combinazione di Porcellum, più il weekend del voto poco favorevole alla partecipazione, è davvero in grado di garantire un seggio in Parlamento abbastanza sicuro a chi ha un largo consenso, radicato e storico, sui territori: un consenso simile a quello che serve per raccogliere firme e voti, per essere eletti in Campidoglio, piuttosto che alla Regione Lazio, Lombardia o Molise.

Mi spiego: siccome si voterà, come è noto, sotto Capodanno; e moltissimi saranno gli elettori che saranno altrove – me compreso, ripeto – è realistico che la gran parte dei voti verrà dai militanti storici, da chi (gulp) è disposto a rinunciare a, magari, vacanze programmate per votare alle primarie dei parlamentari. Massimo rispetto, beninteso, e ribadisco che spero salti fuori un modo per farmi votare anche dall’estero, dove sarò: a chiunque lo dico, viene una faccia un po’ mogia (come a dire: “La vedo difficile”, ma io non dispero).

E così, con l’ammontare dei voti necessari ad andare in Consiglio Comunale o Regionale si potrà comodamente prenotare un buon piazzamento nelle liste alla Camera; il meccanismo delle liste bloccate della legge Calderoli, poi, farà il resto, e chi voleva fare il consigliere comunale si potrà ritrovare, senza nemmeno troppo sforzo, parlamentare. Perciò è ben comprensibile che moltissimi candidati o ri-candidati, che stavano iniziando a posizionarsi per le amministrative, scelgano la via di Montecitorio: amministrare un territorio è immensamente più rognoso che stare in Parlamento; e, per la stessa quantità di voti, provarci conviene.

Questo, a quanto so, è quel che sta accadendo nel Lazio; mi sembra realistico succeda anche in Lombardia e Molise. Così Bersani, con un colpo solo, avrà in Parlamento una falange disciplinata di quadri e dirigenti storici che vengono dal territorio, gli unici in grado di radunare voti in queste condizioni, molto grati della possibilità ricevuta e confezionata su loro misura; e nel contempo sfoltirà di punto in bianco i ranghi delle classi dirigenti locali, aprendo la strada a nuovi volti, personalità e candidature locali. Secondo me, una centro perfetto, un colpo silenzioso.

Già che ci sei, leggiti anche: 

Primarie dei parlamentari, voglio votare in anticipo

Pierluigi-Bersani1

C’è un modo in cui il Partito Democratico, davvero, può vincere le primarie dei parlamentari: perché, direte, rischia di perderle? Mediaticamente sì: perché è già iniziato, su vari media, un comprensibile tam tam riguardante la scelta della data.

Andiamo con ordine perché la notizia è recente: siccome le elezioni politiche saranno celebrate a febbraio, il Partito Democratico ha fissato le consultazioni per selezionare i componenti delle liste bloccate per il prossimo 29 e 30 dicembre; consultazioni aperte anche ai simpatizzanti, non solo agli iscritti. “Le primarie di capodanno”, sono state già ribattezzate, e con qualche ragione: chi mai andrà, si legge in giro, a votare in quei giorni, fra la spesa del cotechino, delle lenticchie, partenze per i viaggi, cenoni e parenti? Rispondono i più: solo i militanti duri e puri. E così, se Beppe Grillo è stato sommerso da un diluvio di critiche per i 30mila voti complessivi per le “sue” parlamentarie, il Partito Democratico dovrà fare molto, molto meglio per non subire un danno d’immagine devastante.

Se primarie devono essere, che siano vere, sia nella forma (come si presentano, il che è moltissimo: bravo Bersani) che nella sostanza. La data, in effetti, è un problema: come risolverlo?

Facile, credo: early voting.

Ammesso che si definiscano in tempi brevi il regolamento di queste consultazioni (quanti posti riservati alla segreteria nazionale? chi decide il rimanente delle liste votabili? chi si può candidare?), votare in anticipo è perfettamente possibile. Se il Partito Democratico scegliesse di impegnarsi per sciogliere questi nodi in una settimana a partire da oggi, anche in 10 giorni, si potrebbe partire con le operazioni di voto anticipato (nei circoli del partito, ad esempio), fin dal 22 dicembre. In questo modo la partecipazione di chi, ad esempio, ha intenzione di partire, magari all’estero, per le vacanze di Natale e Capodanno, potrà comunque partecipare a questo davvero pregevole esperimento di democrazia, capace di scardinare dall’interno il sistema del Porcellum.

Non ho problemi a fare outing: io il 29 e 30 dicembre non sarò in Italia, e mi dispiacerebbe non poter votare per comporre le liste della mia circoscrizione parlamentare; il problema mi tocca personalmente, come penso sia per molti altri, sinceri militanti ed elettori che vorrebbero avere il modo di votare anche in quella scomoda, ma credo logisticamente inevitabile, data. Quindi, basta organizzarsi, organizzarsi bene per favorire la massima partecipazione.

Un’altra idea potrebbe essere quella di permettere il voto in qualsiasi circolo del Partito Democratico in Italia e all’estero. Anche questa soluzione andrebbe benissimo, ma mi sembra tecnicamente più complicata.

Oppure, ancora,  si può fare in un altro modo. Si potrebbero definire regole e liste intorno al 23 dicembre, non spiegarle bene, non lavorare in nessun modo per trasformare una splendida affermazione di principio (“primarie per i Parlamentari aperte anche ai non iscritti”) in una possibilità praticamente realizzabile senza troppa difficoltà per il cittadino, e far passare il messaggio che se si vuole partecipare alla democrazia, cavolo, bisogna pur sacrificare qualcosa.

Già che ci sei, leggiti anche: 

Ho votato Vendola, poi Renzi. E sono con Bersani

'Il Confronto' Italian TV Show - November 12, 2012

L’incerto, alla fine, ha votato così. Per mandare due segnali, che vale la pena spiegare.

Al primo turno ho votato per Nichi Vendola. Esplorando il suo programma per i post dell’incerto ho trovato più sintonie di quanto non mi aspettassi, e me ne aspettavo parecchie; credo che dal modello Puglia sia da rileggere con attenzione per capire quanto, di esso, si possa convertire in esperienza di governo per il paese. Certo, non ho dimenticato né il caso Tedesco né le questioni delle vicinanze alla Imprese Marcegaglia e al San Raffaele, ma le ho accantonate; più di tutto mi ha suggestionato il post di Leonardo che proponeva di far contendere a Bersani e Renzi, al ballottaggio, un forte voto a sinistra. Operazione, si è visto, fallita (e, per la cronaca, so da fonti certe che Vendola ha preso meno di quanto Bersani stesso avrebbe voluto).

Continua a leggere ‘Ho votato Vendola, poi Renzi. E sono con Bersani’

Le grandi opere e il Mediterraneo, occasione persa per Renzi e Bersani

mediterraneo

Abbandoniamo le tristi polemiche di fine campagna elettorale con i (presunti) 90mila elettori in più che si sarebbero registrati per il ballottaggio alle primarie del Partito Democratico e ritorniamo ai temi programmatici dei due candidati, per quello che credo sarà l’ultima puntata dell’incerto prima del voto di domenica; un incerto che, l’avrete notato, ha riavviato in maniera ormai stabile l’attività di questo blog.

Quanto durerà? Lo vedremo, come vedremo in che modo andrà a finire questa corsa alle primarie, se sarà un grande appuntamento di democrazia o il preludio di un botto gigantesco: a mio dire, non succederà granché. Credo vincerà Bersani, anche se in giro sento di un sacco di gente invogliata a votare Renzi proprio da questi ultimi giorni di campagna (e anche le file al comitato provinciale milanese sono un segnale importante). Ma stiamo andando fuori dal nostro tema: torniamo ai programmi e occupiamoci di uno dei temi che per me sono più importanti, che credo che siano centrali per lo sviluppo economico, politico, per la crescita del nostro paese; ovvero, le infrastrutture.

Bisogna partire da un dato economico, da una domanda, da una scelta politica: l’Italia deve continuare ad essere una scomoda appendice dell’Europa, un peso, qualcosa di inutile, poco produttivo, inefficace se raffrontata alle solide economie del nord Europa; oppure deve scegliere un’altra strada? Io credo, e proverò a tirar giù un paio di dati, che la scelta debba essere la seconda, e che l’Italia debba volgersi con decisione, con scelta, persino con rischio al Mediterraneo come nuova fonte di ricchezza, come bacino fondamentale dei propri interessi. Smettiamola di guardare solo a nord, torniamo anche a guardare, e con intento programmatico, a sud del nostro mondo.

Le potenzialità ci sono, e sono impressionanti. Un recentissimo studio della Confindustria dimostra come il Pil pro capite dei paesi dell’area mediterranea (Marocco, Egitto, Libia, Tunisia) sia negli ultimi anni cresciuto a ritmi galoppanti e che proprio questa condizione di benessere più diffuso abbia dato il via alle rivolte della primavera Araba. Molti dei paesi raggiungibili, per noi, via mare, ci superano in competitività, la popolazione di queste nazioni è in rapida crescita, così come gli accessi ad internet e lo sviluppo tecnologico.

Poi, è arrivata la Primavera Araba che ha lasciato dietro di sé vuoti di potere, accanto a “vuoti di modello economico e di sviluppo”; insomma, l’associazione degli industriali italiani non chiede altro che di poter meglio “presidiare” aree ad altissimo sviluppo economico potenziale, che già è legata a doppio filo con le esportazioni italiane e che non attende altro che ulteriore impegno da parte nostra. Ad esempio è notizia di ieri, per dire, che “la Tunisia è a caccia di capitali stranieri”. Il grande player di quest’area si chiama Turchia, un paese che sta diventando, progressivamente, sempre più importante dal punto di vista economico e geopolitico.

Poi, c’è l’Italia. E ci sono le sue infrastrutture, sopratutto portuali, che sono completamente inadeguate a reggere questo passo e a porsi come mediatrici della ricchezza che il Mediterraneo sta continuando a produrre, e che presto, se non agiamo, qualcun altro sfrutterà. C’è un grosso lavoro di Linkiesta su questo tema che dimostra come sia grandemente più conveniente scaricare via mare a Rotterdam, in Belgio, nel nord Europa e poi portare le merci in Italia via terra (e viceversa, ovviamente) che scaricare direttamente nei porti italiani. “Oltre 1 milione di TEUs (Twenty-Foot Equivalent Unit, la misura standard di volume nel trasporto dei container, ndr) destinati dal Far East all’Italia sbarca in porti nordeuropei e giunge da noi via terra: quale paese con 8.000 km di coste, poste “prima” sulle rotte con l’Oriente rispetto al Nordeuropea, accetterebbe una simile stortura, con la beffa di vedersi sfilare sotto il naso lavoro e gettito fiscale connessi? D’altro canto per trasportare un container da Anversa a Verona ci vogliono mediamente 72 ore, da Genova si supera abbondantemente la settimana”, dice il presidente dell’associazione di categoria degli spedizionieri; “se il nostro sviluppo infrastrutturale avesse avuto i ritmi di quello spagnolo recente, oggi la nostra portualità non avrebbe rivali né nel Mediterraneo né in Nordeuropa”, dice il presidente degli agenti mediatori marittimi.

Continua a leggere ‘Le grandi opere e il Mediterraneo, occasione persa per Renzi e Bersani’

Domenicavoto.it è la sconfitta del Pd

Ecco perché, in dieci punti.

Ieri Monica Maggioni ha concluso il dibattito fra i due candidati al ballottaggio per le primarie del Centrosinistra con un messaggio di felicità: “Mi avete fatto sentire cittadina di un paese normale”. Festa, abbracci, scintillii: il giorno dopo, è scoppiato il panico.

Mi riferisco ovviamente alla pubblicazione su quotidiani di tiratura nazionale delle istruzioni per utilizzare il sito http://www.domenicavoto.it, messo in piedi in fretta e furia dalla fondazione Big Bang di Renzi, e che consiste in null’altro che un form da riempire per inviare dati che qualcuno, un non meglio definito intermediario (lo staff di Renzi?), invierà, o saranno inviati in automatico, al competente “coordinamento provinciale” perché vagli la giustificazione del soggetto al voto per il secondo turno.

L’arrivo di questo sito ha portato scompiglio: il culmine è la presentazione, da parte di rappresentanti degli altri candidati, di un’esposto ai garanti del Partito Democratico per denunciare Matteo Renzi di irregolarità regolamentari. Basta leggere l’esposto (lo trovate qui) per capire quali sono le irregolarità che i quattro imputano a Renzi: violazione del dovere di lealtà, violazione degli obblighi economici.

La situazione è ormai deflagrata: l’esposto, i commenti di fuoco da una parte e dall’altra sui social network, il mailbombing, la satira virale, il commento del segretario, le repliche al vetriolo dallo staff di Renzi. E’ tempo di fare alcune considerazioni, in ordine sparso, su quel che sta succedendo.

  1. La considerazione più importante la scrivo per ultima. Se vuoi leggere solo quella, vola giù.
  2. Il Partito Democratico è tutt’altro che unito, coeso e sincronico come lo vorrebbe descrivere Bersani: “Ne usciremo più forti”, è il leitmotiv del segretario. Ma così non è: sono giorni, settimane che sui gruppi del Partito Democratico su Facebook la gente si scanna, per una serie di motivi che vedremo. L’arrivo di DomenicaVoto.it ha solo reso pubblico quel che in privato era evidente: le Primarie sono da un po’ diventate un congresso del Pd a cielo aperto , peraltro particolarmente cattivo nei toni, e come in tutti i congressi, si picchia duro. Qui in particolare. 
  3. Il deferimento al comitato dei Garanti avviene con una dinamica davvero inconsueta: il presidente di quel comitato, Luigi Berlinguer, stamattina ha avuto parole di fuoco nei riguardi del comportamento di Renzi. Insomma, l’arbitro ha già parlato, e mi stupirebbe una pronuncia del comitato a favore del sindaco di Firenze (con tutto che, come vedremo, la sua colpa è tutt’altro che univoca). E ricordate che su questo blog è di casa l’incerto, parlo in maniera a-partigiana.
  4. Se si crea un problema sulle regole è perché le regole lasciano margine (in giuridichese, sono scarsamente determinate e tassative), insomma: sono scritte male. Ecco il comma 4 dell’articolo 14 del regolamento delle Primarie, quello che norma il ballottaggio.

    “Possono altresì partecipare al voto coloro che dichiarino di essersi trovati, per cause  indipendenti dalla loro volontà, nell’impossibilità di registrarsi all’Albo degli elettori entro  la data del 25 novembre, e che, in due giorni compresi tra il 27/11 e il 01/12, stabiliti con  delibera dal Coordinamento nazionale, sottoscrivano l’Appello pubblico in sostegno della Coalizione di centro sinistra “Italia Bene Comune” e quindi si iscrivano all’Albo degli elettori .

    Questa è una regola che lascia un margine di incertezza: no, non è vero che “il corpo elettorale è quello del 25 novembre”, come ha detto Berlinguer. C’è almeno un modo per iscriversi dopo, che in questo caso è: si deve dimostrare al coordinamento provinciale di essere stati impossibilitati. Per dirla con il sito di Renzi, “scrivici che erano motivi di famiglia, poi valuterà il coordinamento e ti dovrai adattare”; così, nel dubbio, scrivo. E anzi, il sito messo su dalla Fondazione Big Bang è uno strumento utilissimo per l’applicazione della norma del regolamento (come dice Giuliano da Empoli, è stato fatto un servizio a tutti; come dice Gad Lerner, presentare un esposto significa pensare automaticamente che tutte le persone che vogliono votare solo al ballottaggio siano elettori di Renzi, il che è una stupidaggine e un autogol).

  5. Delle motivazioni che i ricorrenti presentano, quelle che riguardano i doveri di lealtà del candidato sono molto questionabili (ad esempio, non è affatto detto che chi si iscrive su domenicavoto.it sia per qualche motivo indotto a votare Renzi). Più pregnanti sembrano essere quelle economiche: Sindaco, chi ci ha messo i soldi?
  6. Come ha spiegato Linkiesta, nel regolamento per le Primarie c’è scritto che “le iniziative dei candidati devono essere olte a favorire la più ampia partecipazione dei/le cittadini/e alle primarie”: il sito della fondazione Big Bang sembra perfettamente in linea con questo spirito. Così nel merito: per quanto riguarda il metodo, però, vedi più sotto.
  7. Il mailbombing da parte dei Bersaniani per far saltare il sito domenicavoto.it è una mondezza, una vergogna, una reazione da bimbo invidioso. Mi viene da pensare che abbiano rosicato perché avrebbero voluto fare una cosa del genere loro, e prima: oppure, che il motivo sia quello che scriverò alla fine.
  8. Il metodo di Renzi (o di chi per lui) è stato scorretto: non sarebbe successo nulla se la creazione del sito fosse stata proposta al Coordinamento per le Primarie. In caso di risposta negativa, si poteva montare un bel putiferio e rivendersela politicamente: “Noi l’avevamo chiesto, loro non hanno voluto”. Così, invece, sembra una furbata da bimbo sveglio che si approfitta degli errori del bimbo invidioso: siccome c’è spazio, lo occupo. Ma in situazioni così delicate, non si fa così: si gioca corretto fino alla fine, tenendo presente che la controparte è un po’ permalosetta.
  9. E questa pubblicità l’avevano vista Bersani e compagnia? E questi manifesti abusivi attaccati in tutta Roma?
  10. Le primarie non finiscono qui: ci sono quelle per il sindaco di Roma, ci sono quelle lombarde. Se questo è il clima che si crea quando si arriva al dunque, probabilmente qualcuno chiederà che non si facciano più: e sarebbe un peccato.
  11. Renzi deve morire col gas. Nel senso: questo è quello che pensano da tempo moltissimi esponenti del Partito Democratico, moltissimi militanti, attivisti, il famoso zoccolo duro interno; a prescindere, comunque, sempre. Perché Renzi sta tentando di fare il più grave dei crimini all’interno del Pd: saltare la fila. Ne parlavamo, molto tempo fa, proprio a proposito di Renzi: e come dicevamo, da giorni la temperatura nei gruppi di discussione dei militanti del Pd si era portata al livello di fusione dell’acciaio, con battute sarcastiche, frasi di supponenza, piccoli segnali di epurazione interna ai danni dei supporter del sindaco: il problema è, ed è sempre stato, che come dice una sostenitrice di Renzi, il sindaco di Firenze rischiava e rischia di vincerle, queste primarie. E questo sarebbe, o sarebbe stato (fate voi) inaccettabile per le tante persone che in questi anni di cupo berlusconismo hanno smazzato in silenzio nei ranghi del Pd: oh, dallo scritto non si capiscono i toni, ma io lo dico con stima. Queste reazioni, viste da questa luce, sono del tutto naturali: è vera e propria lesa maestà; per la base bersaniana, Renzi è uno che arriva e si vuole appropriare del loro lavoro. E lo fa esplicitamente, ha pure il coraggio di chiedere la rottamazione di un’intera generazione di militanti, personaggi politici, quadri intermedi che hanno scommesso sulla sopravvivenza del Pd, sulla luce alla fine del tunnel, sul sicuro 20% sempre garantito ad un partito di centrosinistra in questo paese che li avrebbe portati da qualche parte e ripagato i loro sforzi (ripeto, spero di essere preso con sincerità: credo che sia del tutto naturale, e lo dico con stima) e la loro traversata del deserto sotto le bombe, i cannoni e le bestemmie dell’opinione pubblica. Per questo ogni tentativo di Renzi di portare più gente a votare, di insinuarsi negli spazi lasciati distrattamente liberi, di proporre un partito e un centrosinistra nuovo, in una parola: di vincere le primarie, causano una vera e propria levata di scudi: “Bello di casa, qui c’è gente che sta in fila da prima di te”. E tutto questo può essere preso come qualcosa di orribile, una ragione in più per sostenere la battaglia personale del sindaco di Firenze; oppure un dato di partenza che Renzi doveva considerare in maniera maggiore, diversa, più accorta e che alla fine lo condannerà. Questo decidetelo voi: probabilmente è entrambe le cose.

Per parte mia so due cose: che l’incerto regna ormai sovrano, e che domenica piove. E lo sappiamo tutti cosa vuol dire in termini di affluenza, e cosa voglia dire, a sua volta, una bassa affluenza per il risultato finale di queste primarie.

Foto : Giornalettismo.com

Già che ci sei, leggi anche: 

L’incerto all’appuntamento con Beppe Grillo

Mi è dispiaciuto aver potuto solo scrivere due analisi dell’incerto per il primo turno di queste primarie. Purtroppo gli impegni si sono accavallati: tuttavia, non è ancora finita, perché il secondo turno ci dà l’occasione di sviscerare ancora e meglio quali siano i punti controversi dei, a questo punto due, candidati alle primarie del Centrosinistra.

Ovviamente l’incerto ha votato, non dice come, e andrà a votare anche al secondo turno. Ho una mezza idea riguardo sul nome su cui orientarmi al ballottaggio, è una mezza idea abbastanza solida ma è pur sempre una mezza idea, pronta ad essere smentita dai fatti, dalle affermazioni, e dai programmi. Questa volta però, non parliamo né dell’uno né dell’altro: parliamo di quel che succederà appena si metterà piede nel nuovo Parlamento, dopo le elezioni del prossimo aprile. Sono due gli appuntamenti importanti che bisognerà necessariamente prendere in considerazione, ovvero la presenza, imponente, del movimento 5 Stelle, che sarà probabilmente la terza o seconda forza parlamentare del paese; e l’elezione del Presidente della Repubblica. Forse dovremmo ancora parlare di temi e dossier programmatici: ma per far passare i programmi e farli diventare leggi servono i voti, e Giorgio Napolitano ci ha insegnato come un presidente della Repubblica possa avere un ruolo difficilmente trascurabile nel gioco politico quotidiano. Dunque entrambe le questioni mi sembrano più che centrali.

Iniziamo dalla prima delle due. Diciamo che la legge elettorale, il cosiddetto Porcellum, non sarà in nessun modo modificata dalle forze parlamentari: ancora oggi ho sentito Enrico Letta che diceva, cattivissimo, che semmai il Pd farà “le primarie per le liste bloccate”. La verità, credo, è che come nel 2008 il Porcellum garantisce un ricco premio al partito con un voto in più, e ad oggi i sondaggi danno al Pd ben più di un voto in più: tutto è ancora aperto, sopratutto date le incombenti primarie del PdL, ma credo (spero?) che la situazione non cambi di molto dal punto di vista dei voti, credono e sperano lo stesso anche i leader del Pd e la sensazione è che questa legge in fondo faccia comodo.  A legge elettorale vigente, le percentuali degli ultimi rilevamenti danno la coalizione di centrosinistra avanti, tallonata dal Movimento 5 Stelle: media degli ultimi sondaggi Pd, 28%, più 5% Sel e altri spiccioli dei socialisti, arriviamo al 34% (hey guarda, la percentuale di Veltroni, senza SeL). Chi può dire se questa percentuale salirebbe, e di quanto, se le primarie le vincesse Renzi? Vedremo: in ogni caso, secondo Scenari Politici, sarà il dato del Movimento 5 Stelle a rimanere ancorato al 20%.

Continua a leggere ‘L’incerto all’appuntamento con Beppe Grillo’

Gli studenti, le manifestazioni e le primarie del diritto allo studio

Mio fratello, okkupante la sua scuola pubblica “contro la privatizzazione dei saperi” e “contro il Ddl Aprea”, non andrà a votare alle primarie del Pd. Non ci andrà perché è minorenne, ma se fosse maggiorenne domani, comunque non ci andrebbe: “Non ho seguito, non mi sono informato, che dice Grillo?”. Ecco un ragazzo che il centrosinistra italiano non sa nemmeno dove sta di casa, e di cui il centrosinistra italiano non sa l’indirizzo.

Informazione flash: sono tanti. Moltissimi. Praticamente tutti quelli con cui ho parlato, esplicano la propria voglia di politica in manifestazioni spontanee, male organizzate e senza particolare attenzione ai contenuti. Niente di male, più o meno lo facevamo anche noi: ma poi, quando c’era da andare a votare per le primarie del Pd, ci siamo andati più o meno tutti.

Forse ci andranno anche loro, fra due anni. Forse no. Non è questo il punto. Il punto è, come ho detto l’altra volta, è riuscire a capire chi, a questo giro, può vincere due volte in una volta sola; portare a casa un’elezione che definisce un’epoca. E mi sembra dunque doveroso guidare il mio incerto interiore, nelle pagine e pagine di dichiarazioni programmatiche, partendo innanzitutto da quello che per me è il mattone del futuro. Il diritto allo studio.

Davanti alle immagini dei soliti ignoti che tirano i lacrimogeni dalle finestre del ministero; ascoltando, leggendo, i racconti dei ragazzi che partecipano alle manifestazioni; guardando le scuole del mio Municipio romano occupate in sincronia dagli studenti – “ma voi non avevate Facebook”; vedendo le immagini delle cariche della polizia, degli effetti personali degli studenti gettati nel Tevere, delle provocazioni di Blocco Studentesco che è stato lasciato imperversare nelle nostre scuole con una colpevolezza che rasenta la complicità, mi sembra evidente che la scuola italiana è completamente persa; come priorità della sinistra, intendo. Abbandonata sia nei principi che nelle pratiche quotidiane dell’azione politica: diciamo che, nonostante le intenzioni, ce la siamo persa per strada. E deve tornare ad esserlo, una priorità, bisogna riacchiapparla per diventare effettivamente un paese civile.

Vediamo dunque chi convince di più il mio incerto interiore sui temi della scuola, del diritto allo studio, dell’istruzione fra Pierluigi Bersani, Nichi Vendola, Matteo Renzi.

Nota iniziale: non prendo nemmeno in considerazione i programmi di Laura Puppato e Bruno Tabacci. Credo che la Puppato sia una donna straordinaria che stia correndo per la battaglia sbagliata. Se il punto è la presenza femminile, diventa una battaglia di testimonianza. Lei doveva essere il candidato del Pd alla Regione Veneto, per liberarci definitivamente della Lega anche lì. O almeno provarci. Così prenderà il 2% e sarà bruciata. Il mio voto non cambierebbe la questione. Bruno Tabacci è una persona serissima; su molte cose però non siamo d’accordo. Lo vedrei bene come ministro. Prenderò solo in considerazione i candidati che.. uhm, potrei votare. 

Oh, ragassi, volevate mica una cosa precisa. 

Iniziamo con il programma del segretarione, l’uomo di Bettola. Quando si trattò di essere incerti su chi votare al congresso del Pd, tirai fuori una definizione di Pierluigi Bersani che ebbe una certa fortuna: è come il Tg3. Solido, rassicurante, genericamente affidabile ma concretamente generico. E’ bello vedere che, anni dopo, ben poco è cambiato. La sezione del programma sulla scuola del candidato Bersani si chiama “Saperi” e sarà lunga al massimo 100 parole. Gli impegni concreti, se così si può dire, sono tre.

È necessario un piano straordinario contro la dispersione scolastica, misure per il diritto allo studio e investimenti sulla ricerca avanzata nei settori trainanti e a più alto contenuto d’innovazione. CREDIAMO NEL VALORE UNIVERSALISTICO DELLA FORMAZIONE, DELLA PROMOZIONE DELLA RICERCA SCIENTIFICA E DELLA RICERCA DI BASE IN AMBITO UMANISTICO.

Quindi, riportare i pischelli a scuola, “misure per il diritto allo studio e investimenti per ricerca e innovazione”. Wow, ganzo: a scrivere una roba del genere ci riuscivo pure io. Sarà anche “solo una delle 10 idee”, non sarà un programma preciso: e allora, che dovremmo dire? Tutto condivisibile e molto giusto. Però manca un come, manca un quando, manca un dove-trovi-i-soldi. Mancano cose ancor più avanzate del banale “diritto allo studio”: una scuola partecipata, democratica, più potenza alle rappresentanze studentesche, una scuola come luogo di comunità, un ragionamento senza paraocchi sulla didattica italiana, sulla classe docente, sul ritmo vitale dello studente italiano costretto a mostruose ore di libri quando la pedagogia moderna e sperimentale dice ormai con forza che la strada da prendere sarebbe un’altra… Non vorrei essere severo: so che se/quando Pierluigi Bersani sarà al governo, l’Italia sarà un posto migliore e l’istruzione sarà al centro dei pensieri del nuovo esecutivo. E avremo scuole di qualità e università competitive. Ma qui c’è solo un incerto che legge i programmi, e se legge questo trova poco. Segretà, sarebbe 5

Pagine: 1 2


D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

settembre: 2014
L M M G V S D
« apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower