Archivio per 26 novembre 2012

L’incerto all’appuntamento con Beppe Grillo

Mi è dispiaciuto aver potuto solo scrivere due analisi dell’incerto per il primo turno di queste primarie. Purtroppo gli impegni si sono accavallati: tuttavia, non è ancora finita, perché il secondo turno ci dà l’occasione di sviscerare ancora e meglio quali siano i punti controversi dei, a questo punto due, candidati alle primarie del Centrosinistra.

Ovviamente l’incerto ha votato, non dice come, e andrà a votare anche al secondo turno. Ho una mezza idea riguardo sul nome su cui orientarmi al ballottaggio, è una mezza idea abbastanza solida ma è pur sempre una mezza idea, pronta ad essere smentita dai fatti, dalle affermazioni, e dai programmi. Questa volta però, non parliamo né dell’uno né dell’altro: parliamo di quel che succederà appena si metterà piede nel nuovo Parlamento, dopo le elezioni del prossimo aprile. Sono due gli appuntamenti importanti che bisognerà necessariamente prendere in considerazione, ovvero la presenza, imponente, del movimento 5 Stelle, che sarà probabilmente la terza o seconda forza parlamentare del paese; e l’elezione del Presidente della Repubblica. Forse dovremmo ancora parlare di temi e dossier programmatici: ma per far passare i programmi e farli diventare leggi servono i voti, e Giorgio Napolitano ci ha insegnato come un presidente della Repubblica possa avere un ruolo difficilmente trascurabile nel gioco politico quotidiano. Dunque entrambe le questioni mi sembrano più che centrali.

Iniziamo dalla prima delle due. Diciamo che la legge elettorale, il cosiddetto Porcellum, non sarà in nessun modo modificata dalle forze parlamentari: ancora oggi ho sentito Enrico Letta che diceva, cattivissimo, che semmai il Pd farà “le primarie per le liste bloccate”. La verità, credo, è che come nel 2008 il Porcellum garantisce un ricco premio al partito con un voto in più, e ad oggi i sondaggi danno al Pd ben più di un voto in più: tutto è ancora aperto, sopratutto date le incombenti primarie del PdL, ma credo (spero?) che la situazione non cambi di molto dal punto di vista dei voti, credono e sperano lo stesso anche i leader del Pd e la sensazione è che questa legge in fondo faccia comodo.  A legge elettorale vigente, le percentuali degli ultimi rilevamenti danno la coalizione di centrosinistra avanti, tallonata dal Movimento 5 Stelle: media degli ultimi sondaggi Pd, 28%, più 5% Sel e altri spiccioli dei socialisti, arriviamo al 34% (hey guarda, la percentuale di Veltroni, senza SeL). Chi può dire se questa percentuale salirebbe, e di quanto, se le primarie le vincesse Renzi? Vedremo: in ogni caso, secondo Scenari Politici, sarà il dato del Movimento 5 Stelle a rimanere ancorato al 20%.

Continua a leggere ‘L’incerto all’appuntamento con Beppe Grillo’


D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

novembre: 2012
L M M G V S D
« ott   dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower