Il buco

Si può dire? Boh: io lo dico. Qui c’è un problema.

Il fatto che non sia mai, finora, stato previsto un dispositivo, un meccanismo, una prassi: cioè, una legge, formale o sostanziale che essa sia, per regolare la questione delle dimissioni del presidente di uno dei due rami del Parlamento, è un problema. Ne parlavo settimane fa in un serrato scambio epistolare con Pernacchia, che qui, immagino, converrà. Perchè lo stato costituzionale è fatto di pesi e contrappesi, un complicato meccanismo in cui tutti i casi alla lontana prevedibili siano affrontati a priori. E’ il principio del nullum crimen sine lege: non si può condannare qualcuno se nessuno aveva pensato, fino ad allora, che il fatto da lui commesso costituisse reato.

Allo stesso modo, se i padri costituenti non hanno previsto un dispositivo per regolare il caso che l’assemblea parlamentare non “gradisca” più il suo presidente – ditelo come vi pare – perchè, boh, pensavano “figurati se succede una cosa del genere: il presidente della Camera smista scartoffie, che male può fare”, beh, oggi c’è un problema; se i padri costituenti hanno pensato che avrebbero provveduto poi alla bisogna i regolamenti parlamentari, e però non è mai successo, allo stesso modo c’è un problema. Un problema in cui si è incagliata una crisi politica profonda: dunque, un problema pericoloso. Perchè adesso Berlusconi – e non se n’è ancora accorto: vabbeh, glielo dico io – ha in mano un’arma formidabile: avendo lui i numeri, può minacciare Fini. Cambierà il regolamento parlamentare, per riparare a questo “terribile vulnus alla democrazia, comunisti comunisti comunisti”, per inserire la norma che consentirà di mettere il leader di Futuro e Libertà sotto scacco. Ehi, potrebbe succedere davvero.

3 Responses to “Il buco”


  1. 1 pernacchia 8 settembre 2010 alle 4:33 pm

    sì la cosa andò che io – presumevo, anche se spinto dalla logica – che ci fosse una norma che consentisse ciò, poi tu, con la certezza di chi le cose se le va a vedere prima di parlare, mi spiattellasti in faccia l’amara verità. sollevi un problema serio che solo superficialemente si può definire “giuridico”. la natura della questione, invece, è del tutto politica – lo si vede dai fatti recenti.
    io credo che i costituenti non l’abbiano previsto per due ordini di ragioni:
    1) giuridico, in quanto bisogna preservare l’autodichia della camera, e ciò è possibile solo lasciando al potere regolamentare di stabilire cosa fare o meno in quei casi.
    2) che la Camera (devo vedere per il senato, ma immagino che sia uguale) non abbia previsto un simile istituto sia dovuto al fatto che per il regime parlamentare della Prima Repubblica era del tutto inutile. Un pò per il profilo di chi ricopriva la carica: alto e imparziale (tanti anni di Dc, poi Psi, ma anche Nilde Iotti), ancorchè passa-carte (compreso quando presidente fu Cossiga). I problemi politici, insomma, si risolvevano altrove, ossia nei partiti. Oggi, invece, i conflitti politici – in mancanza dei partiti seri – si sono trasferiti nelle istituzioni, Ahinoi!
    il presidente della Camera ha un potere fondamentale, garantisce il pluralismo nel luogo centrale della nostra democrazia, ecco perchè è una carica che ha un certo rilievo. il punto però, sottolineato da Fini (credo supportato dallo studio di qualche collaboratore parlamentarista) è che il presidente è di tutta l’assemblea e non della maggioranza, per questo non si determina un rapporto fiduciario – come con il governo e pertanto sfiduciabile e dimissionario – tale da permettere una “mozione di sfiducia”. Ovvio che poi questi si può dimettere, sia per impedimento oggettivo (malattia, infermità, ecc.) sia per scelta politica dato che non è obbligato a farlo per forza. Che le dimissioni non siano previste, poi, credo sia il risultato di una presunzione: “ovvio se poi ti vuoi dimettere fai pure..” ciò significa, comunque, che è una scelta individuale e non può essere indotta! ma pensiamo un attimo se esistesse uno strumento per far dimettere il Presidente della Camera. Sarebbe nocivo. Es. “Non vi calendarizzo il ddl sulle interecttazioni perchè c’è già un altro provvedimento della minoranza!” e loro “Ah sì! noi ti revochiamo la fiducia!” sarebbe contraddetto il principio di imparzialità!
    si possono stabilire dei quorum qualificati 82/3 dei parlamentari), in modo da coinvolgere le minosranze, ma secondo me, comunque, qualcosa non andrebbe…
    Effettivamente è un problema…

  2. 2 cinzia 9 settembre 2010 alle 3:05 pm

    “vulnus alla democrazia” sarebbe anche una bella espressione, peccato che adesso quando la sento mi risuona la voce di minzolini nelle orecchie, accidenti

  3. 3 Fabiano 10 settembre 2010 alle 11:41 am

    Ciao Tom, intanto bentornato.
    Pi, ste cose le sai sicuramente meglio di me ma, comunque…i regolamenti non sono diversi per ogni camera?Quindi per far quello che dici tu berlusconi, la maggioraanza dovrebbe trovarla alla camera.E sei sicuro che senza i finiani ce l’abbia? Tu dici che casini appoggerebbe B. in un piano del genere?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

settembre: 2010
L M M G V S D
« giu   ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: