Altisonante e sentimentale

Va bene, adesso ne parliamo. Parliamo del perchè questo blog è caduto in un sordido torpore, in una sospetta inattività.

La gente me lo chiede – per strada, intendo, mi fermano e me lo chiedono: giuro! – e la risposta è: alzata di braccia, faccia convincente, e con un filo di voce: “Che devo dire, non ho tempo”. Però, non è vero. Non è vero perchè io sono cresciuto in un sistema educativo che a un certo punto ti insegna come la frase “non ho tempo” sia sempre sbagliata. Perchè il tempo non l’ha nessuno, il tempo è poco, è quello, e si sa. E’ così per tutti, e non è che sei tu quello speciale. Si dice: “In questo momento non è una mia priorità”.

Già. Per un po’ di tempo questo blog non è stato una mia priorità. Del che mi può anche dispiacere, ma è stato un fatto. Un fatto, sbagliato, da cambiare. Per due ordini di motivi.

Primo, e forse più importante: per rispetto alla gente che mi ferma per strada e mi chiede che fine ho fatto. Perchè questo vuol dire che intorno a queste pagine si è sviluppata, ben oltre le mie previsioni, una comunità. Un pubblico. Un gruppo di persone che sono interessate a quello che c’è scritto. Del che, sono onorato oltre ogni misura. Salvo Montalbano, convocato a casa di Balduccio Sinagra, ci va: quando gli chiedono perchè un commissario di polizia si muova per andare a trovare un mafioso, Montalbano risponde che non si ritiene così in alto da negare risposta a chiunque chieda di parlar con lui. La potenza di questa frase mi ha sempre impressionato: quello era un mafioso, figurati se devi qualcosa a chi, con affetto e interesse, ti dice che gli piace quel che scrivi.

Secondo, e non meno importante, anzi, necessario complemento, è che mi sono accorto che questo luogo è importante per me. Nel senso: non scrivere qui, è qualcosa che poi mi manca. Di tutte le cose che sono accadute in questi mesi nel mondo, magari qualcuna meritava di essere scritta qui. Con il taglio che su queste pagine ho sempre cercato di mantenere. Magari il silenzio non era opportuno.

Tutto questo per dire che qui, si riparte. Forse non come prima. Forse non con l’intensità e la quantità che riuscivo a garantire prima. D’altronde come (forse non) saprete, sono piuttosto impegnato di la, in questo periodo. E’ un esperienza intensa, importante, solida, e bella. Prendo un sacco di mazzate, sbaglio una cifra e imparo qualcosa: molte cose che pensavo di sapere, non le so; molte cose che non sapevo esistessero, esistono e servono. E si cammina. Ma ammetto che, finito il turno, mi cadono gli occhi e non ho molta gàna di scrivere di qua. Non importa: troverò il modo, per fare del mio meglio. Magari scriverò di meno; capace che dopo quest’annuncio passeranno giorni prima di un nuovo post. Ma è per farvi sapere che l’intenzione c’è.

Queste pagine mi hanno dato tanto; sulla rete, ancora, l’impegno seminato cresce. Non c’è nessun motivo per interrompere qualcosa che aveva iniziato a camminare. D-a ricomincia a vivere, e riparte, dunque, dal primo banner che ha avuto (c’era persino un layout diverso): era l’intenzione programmatica di un diciottenne con troppe idee, quella di spingere l’orizzonte della famosa rivoluzione, almeno un passo più in la.

5 Responses to “Altisonante e sentimentale”


  1. 1 tt 6 settembre 2010 alle 7:03 am

    e allora… bentornato!! :D

  2. 2 milo 6 settembre 2010 alle 8:55 pm

    e anche noi faremo la nostra parte spingendo spingendo più in là

    bentornato

  3. 3 maria 7 settembre 2010 alle 10:38 am

    il lettore paragonato al mafioso potrebbe anche risentirsi,però—

  4. 4 Tc 7 settembre 2010 alle 12:58 pm

    “quello era un mafioso, figurati se devi qualcosa a chi, con affetto e interesse, ti dice che gli piace quel che scrivi.”

  5. 5 pernacchia 7 settembre 2010 alle 5:42 pm

    …mo so cazzi tua… : )

    certo è strano comunque che l’ultimo post (sulla fiat) sia rimasto, durante la tua assenza, sempre così attuale…sei un mago del giornalismo….

    …è come se La Repubblica avesse lasciato sempre in prima pagina l’intervista a Berlinguer sulla questione morale del 1982,,,,

    va be ora basta facce vede…
    +ciao


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

settembre: 2010
L M M G V S D
« giu   ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: