Vendere vendere vendere

L’aspetto più tragico, ma anche il più comico della discussa legge delega sul federalismo demaniale che arriva domani sul tavolo del Consiglio dei Ministri, dopo l’ok della Commissione Bicamerale, è che non serve assolutamente a niente.

Sono giorni che ci viene ripetuto in tutte le salse che “il federalismo non costa, anzi, col federalismo si risparmia”: ma si risparmia che cosa, scusate?

La riforma introduce la possibilità per lo Stato di assegnare a costo zero gli immobili inutili alle Regioni e agli enti locali in genere, cosicchè essi li possano alienare o altrimenti valorizzare. Dunque, al massimo si risparmiano i costi di gestione delle caserme dismesse che lo Stato ha sul groppone senza sapere che farci. Il che può anche essere giusto, se quelle stavano li a marcire.

Ma andiamo oltre: queste caserme, o altri immobili analoghi, sfitti e inutili (è di questo che parla la legge: lo Stato si disfa di beni inutili, perchè quelli utili magari se li tiene, no?), finiscono alle Regioni. Allora: o alle Regioni questi immobili servono, ed esse si dovranno attrezzare per gestirli; e quindi, giù con uffici di gestione, assunzioni massicce, allargamento degli uffici di controllo del demanio regionale  – o per valorizzarli, tipo, trasformare una vecchia caserma in un centro polifunzionale al servizio della città: lodevole, ma con quali soldi tutto questo, se Tremonti ha già detto che fra un mese segherà a tutti gli enti locali la metà dei trasferimenti?

Oppure alle Regioni questi beni non servono, e li dismette. Prima di tutto bisogna trovare qualcuno che se li compra, ‘sti beni sfitti. Chi? Boh. E così il bene, sfitto prima, finisce alla Regioni che non riescono a venderlo, e rimane sfitto dopo: alla grande.

Oppure qualcuno effettivamente se lo compra. Ok, bello. Allora diciamo che l’intento del governo, ovvero quello di trasferire il demanio alle regioni per “valorizzarlo” (cioè, per fare cassa, e menomale che hanno inserito l’emendamento per la vincolatività degli introiti alla copertura del debito pubblico, sennò chissà che ci facevano, poi, co’ ‘sti soldi) succede solo in un caso su quattro dei possibili. Il 25% di probabilità: un bel rischio. In ogni caso, poi, o la situazione non cambia, o lo stato guadagna: in nessun caso risparmia. Anzi, è molto probabile che, per colpa del rigonfiamento burocratico e della duplicazione degli uffici di gestione del demanio, i costi schizzeranno in alto.

E, comunque, se pure tutto va bene, lo Stato si comporta come quel riccone che, vecchio e soddisfatto, si ritira nel villone in campagna dopo aver venduto tutto quello che ha. Cioè, lo Stato, vendendo, alienando o altrimenti “valorizzando” il suo patrimonio immobiliare, si impoverisce. Poi però non lamentiamoci se le aste per il debito pubblico vanno deserte: perchè se io presto dei soldi a uno Stato pieno di case di lusso e bei palazzi che, alla bisogna, potrà vendere per pagarmi; o se li ha già venduti, magari i miei soldi li presto a qualcun altro.

3 Responses to “Vendere vendere vendere”


  1. 2 Pernacchia 20 maggio 2010 alle 12:31 pm

    Ma secondo me la cosa più pericolosa è altrove. Posto che sto leggendo il testo del decreto, lungo e complesso, perchè non mi fido di sintesi di giornali – e in attesa del giudizio della dottrina e poi semmai della giurisprudenza – va detto che questa norma rappresenta, vuoi o non vuoi, un rubinetto aperto.
    Puoi mettere tutti i vincoli che vuoi, ma una lettura attenta e politica di questa faccenda, mi porta a dire che se i dirigenti pubblici, che di fatto gestiranno le operazioni di dismissione, sono tutti o quasi come Anemone, io mi preoccupo. L’idea che uno Stato abbia beni infruttiferi dovrebbe portare all’origine del porblema: la gestione, non la titolarità!
    Poi, l’esempio sulla casermetta del cacchio, ci può stare pure, ma chi mide che un acquedotto – che trasporta un bene di e per tutti – venga poi trasferito in mano ad una regione, e quindi lo si ritiene dei VENETI e non di tutta Italia, è sconcertante. E poi, se si sè spinti a non accollarsi un peso lo si attribuirà a chiunque, a poco prezzo, non curandosi della gestione, ma solo dell’introito e/o della titolarità. Guardate cosa stanno facendo adesso con l’acqua. intendo con ciò, il verificarsi di un processo di balcanizzazione dei servizi di tutti (differenziazione delle tariffe, del servizio, della gestione e della qualità), ma che federalismo è questo?


  1. 1 Vendere vendere vendere | Trentinoweb Trackback su 20 maggio 2010 alle 2:58 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

maggio: 2010
L M M G V S D
« apr   giu »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: