Pentìti

Quale è la differenza fra Gaspare Spatuzza e Filippo Graviano?
Che il primo si è pentito, il secondo no. Il primo parla – a sentire quel che dice – come conseguenza di un percorso di riflessione religiosa su se stesso che l’ha portato a rinnegare il suo passato. Il secondo parla solo perchè interrogato. Il primo parla per redenzione personale, il secondo non ha nessun interesse a parlare e dire il vero. Se si sostiene che le parole di Spatuzza sono carta straccia – e può essere vero, quelle di Graviano sono da macero.

Spatuzza non è certo un fiorellino di campo, e non è che le sue parole sono vere a prescindere sol perchè si è pentito – perchè, ripeto, è quel che dice lui, che si è pentito. Ma di sicuro Graviano entra nell’aula di tribunale da mafioso, e va trattato per quel che è: un mafioso. “Nei processi di mafia, di solito, non si citano neppure le fonti dei collaboratori, ‘se si tratta di affiliati non pentiti’, perchè – dice la giurispudenza – non potrebbero che negare”: così il pezzo di La Licata oggi su La Stampa, molto preciso.

Però se Spatuzza sostiene “che Graviano ha detto”, e Graviano smentisce di aver detto perchè “non conosce”, in ogni caso il discorso si arena.

Non sono uno di quelli che hanno bisogno di sorridere pensando che Dell’Utri e Berlusconi sono mafiosi, e che quindi va tutto bene e il proprio mondo mentale sta in piedi sicuro, perchè sennò non riuscirebbero ad addormentarsi la notte. Sto ai dati.

La realtà è che la Procura di Palermo ci fa una bruttissima figura. Il procuratore generale (è del tutto evidente se si ascoltano i suoi interrogatori) non appare in grado di vincere questa partita. Il giudice lo soccorre spesso, riformula le sue domande, ma non è una cosa che potrà ripetersi all’infinito – perchè la Corte, come è normale, dopo un po’ ti molla. La pubblica accusa si è scavata la fossa con le mani sue, portando a testimoniare in aula un pentito che ha tirato fuori accuse molto grosse ma non circostanziate, racconti per sentito dire non verificabili, andati giù davanti alla parola di un mafioso non pentito che non dice tutto e che, per parlare, forse, aspetta che gli si offra qualcosa in cambio. La Procura ha commesso un errore tattico: ha fatto parlare il ‘quadro intermedio ‘ ben sapendo che ‘il dirigente’ avrebbe, all’occorrenza, negato. E, in questo modo, la testimonianza di Spatuzza, forse preziosa, ora è bruciata. Un comportamento dilettantistico che è un peccato osservare proprio in un aula di tribunale: tu devi essere pronto a provare che le dichiarazioni – se vaghe – del tuo teste chiave sono vere, rilevanti e risolutive. Sennò, è un boomerang.

Speriamo che le testimonianze di questo processo, carta straccia usata male da un punto di vista giuridico (a meno che la Corte decida di tenere Spatuzza e mollare Graviano: ma io dico che è improbabile, siamo in appello e qui si fa sul serio), servano agli storici per ricostruire un quadro più chiaro e più vero dell’Italia fra gli anni ’70 e ’80. Perchè c’è una verità storica che corre accanto alla verità giuridica che questo processo produrrà. Ce n’è sempre una, accanto ad ogni processo.

4 Responses to “Pentìti”


  1. 1 Tooby 12 dicembre 2009 alle 11:00 am

    Ci siamo letti nel pensiero, stamattina. Io però la vedo un po’ diversamente (che novità, dirai tu :) ): ok, consideriamo che Spatuzza sia inattendibile o, almeno, non verificabile. Dell’Utri è stato, però, condannato in primo grado senza la testimonianza di Spatuzza, in base a ben altre prove e compagnia bella.

    Quindi, posto questo, ti chiedo: il pg ha commesso un errore tattico – che non brucia totalmente l’intero quadro accusatorio, quello emerso in primo grado – o un errore strategico – che invece butta alle ortiche il primo grado? Mi sembra una differenza non di poco: la corte potrebbe decidere di ritenere Spatuzza inattendibile, irrilevante, ma questo è sufficiente a smontare la sentenza del tribunale?

  2. 2 isaroseisarose 12 dicembre 2009 alle 8:37 pm

    Sono d’accordissimo, purtroppo, con quello che dici sul procuratore generale.

  3. 3 Marco 12 dicembre 2009 alle 9:49 pm

    Se Graviano confermava, cambiava la storia di Berlusconi, e forse quella di questo paese.
    Però vedere le dichiarazioni di Spatuzza solo nei termini della posizione di B e Marcellino “pane e pizzino” mi sembra riduttivo. Tanto più che come ha già detto Toby, la validità dell’impianto probatorio contro Dell’Utri aveva già superato un grado di giudizio e prescinde dalla testimonianza dello Spatuzza.
    Il valore delle sue affermazioni riguarda piuttosto i dettagli che ha dato rispetto alle stragi rivendicate, per cui erano state condannate altre persone. La procura aveva il dovere di verificare. Ci sono di mezzo decine di morti.
    Ricordo, inoltre, che c’erano dei tempi da rispettare per acquisire le dichiarazioni del “pentito” e forse quella della procura è stata una scelta quasi obbligata.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

dicembre: 2009
L M M G V S D
« nov   gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: