Ma che teneri

Per delle registrazioni di questo genere, in un paese di quelli normali il presidente del Consiglio sarebbe stato eiettato fuori dai palazzi di Governo in tempo zero. Noi invece aspettiamo i prossimi giorni per vedere in che modo la cosa sarà buttata in caciara.

7 Responses to “Ma che teneri”


  1. 1 You Know 20 luglio 2009 alle 1:53 pm

    Più che altro, il sito del Corriere ne avrebbe almeno fatto menzione

  2. 2 And-L 20 luglio 2009 alle 4:33 pm

    berlusconi fa quello che fanno tutti (o quasi) gli uomini, ovvero andare con le donne. dov’è lo scandalo?

  3. 3 You Know 20 luglio 2009 alle 5:30 pm

    Suppongo sia ironico. Spero, almeno.

  4. 4 Io Leggo Solo Feltri 20 luglio 2009 alle 6:43 pm

    “Alla luce della lettura di quelle pubblicate sul sito di Repubblica, e l’autorità giudiziaria competente si auspica verifichi come i giornalisti ne siano entrati in possesso – prosegue Ghedini – non si può che ritenere trattarsi di materiale senza alcun pregio, del tutto inverosimile e frutto di invenzione.

    Comunque la pubblicazione integra è di per sé un illecito che dovrà essere perseguito, e nei confronti di chiunque ritenesse di riprendere tale materiale saranno esperite tutte le azioni legali del caso”.

  5. 5 And-L 20 luglio 2009 alle 7:52 pm

    no no davvero spiegami dov’è lo scandalo!

  6. 6 Tc 21 luglio 2009 alle 10:46 am

    and-l, io non dubito della tua intelligenza. lo capisci anche tu che non è cosa ammissibili il fare orge e festini nei palazzi di stato, a spese delle misure di sicurezza. Non per Berlusconi (cioè, anche, mica lo voglio morto), piu che altro per l’Ufficio che rappresenta. Ora non è che la casa del Presidente del Consiglio può essere penetrabile da qualunque mr X, avanti!
    il problema principale, poi, che nei paesi cosiddetti “seri” verrebbe sollevato è che Berlusconi ha più volte mentito pubblicamente riguardo a questa situazione. Ricordi Bill Clinton? E se un capo di governo mente su queste cretinate, “figurati sul resto”.

    @ ILSF le registrazioni sono state consegnate alla procura da una delle parti processuali. mi pare di aver capito che, una volta consegnate alla procura, le prove rimangono nella disposizione del soggetto. a meno che non ci sia un ordinanza di non diffusione (e se le prove non sono state sequestrate ma solo acquisite penso sia così). tuttavia, posso sbagliarmi su questo.

  7. 7 Pernacchia 21 luglio 2009 alle 7:24 pm

    Io vorrei ricordare che Palazzo Grazioli è una residenza privata. Affittata dal Sig. On. Silvio Berlusconi. Quindi di fatto un’abitazione come le nostre (ovviamente non per valore) se pretendiamo la privacy, la riservatezza per casa nostra, da liberali, dovremmo pretenderla anche per altri. In merito alla sicurezza, spetta agli organi competenti assicurare l’incolumità (fisica, non politica che invece, e per fortuna, spetta ad strutture private come i partiti) del Presidente, il quale ha però il diritto di invitare chi vuole a casa. Certo altro sarebbe se lui invitasse, o fosse invitato, a casa di altre strutture pubbliche, quali giudici di Cassazione, costituzionali, presidenza della Repubblica, come per altro di recente successo, e, adimostrazione dell’errore, l’intervento del presidente della corte per richiamare il comportamento dei due giudici dimostra l’etrodosso comportamento a sfregio della Consulta.
    Ma perchè non ci si indigna,con la stessa foga, con gli stessi mezzi, per il fatto che una carica come quella del presidente del consiglio, possa ricoprire tanti di quelli incarichi privati (non li metto ad elencare) che inevitabilmente incrina la SICUREZZA dell’imparzialità pubblica della carica? Quello mi mette paura, quello mette a rischio il perseguimento dei compiti pubblici…poi il presidente può scopare con chi vuole e come vuole. Il caso Bill Clinton non regge perchè in quel caso, per altro abbastanza discutibile, l’opinione pubblica americana è per mentalità e per show abituata a sindacare la moralità del Presidente, per essere poi indifferente alla moralità espressa nelle guerre, dei colpi di stato, nelle torture, ecc.
    Da noi siamo spesso indifferenti ad entrambe, quindi…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

luglio: 2009
L M M G V S D
« giu   ago »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: