L’uomo del popolo

IL MIO PUNTO DI VISTA sono stato usato da qualcuno che non potendo attacare L’uomo del popolo (così io chiamo il PRESIDENTE) Usa un Gossip un Pettegolezzo, la mia storia d’amore con Noemi. Ora stanno insinuando che lui ha avuto rapporti di SESSO cosa che escludo a priori e impossibile! conoscendo Noemi è i suoi valori. Possibile che l’uomo del Popolo non possa avere una sua vita privata? Che male c’e ad essere amico di una famiglia normale? Questa e la cosa bella lui è diverso dai soliti politici lui è amico di tutti degli Chef, Operai, Dipendenti, Mendicanti, Poveri insomma di TUTTI.

Vera o falsa che sia la lettera con cui Gino Flaminio torna in scena, questa volta sulle pagine del Corriere, non mi interessa: è verosimile, e senza dubbio.

E allora, venitemi di nuovo a dire che il nostro problema non è anche, forse, in parte, che siamo inutilmente ricchi, inutilmente borghesi, inutilmente insopportabili. Lo so, lo dice pure Zoro e sono d’accordo, che l’unica cosa più snob della sinistra snob è dire che la sinistra è snob. 

Come volete. Questa gente non ci vota, e non ci voterà: perchè sono decenni che noi gli parliamo di pensiero debole, società liquida, hai letto il New York Times?, la forma partito è importante, c’è bisogno di un grande partito, e d’altronde. 

La lettera è vera, a parer mio. Maiuscole raffazzonate, punteggiatura messa a caso. Il PCI, le ACLI insegnavano a questo paese a leggere e scrivere, nelle scuole serali operaie delle sezioni. Ci sarà stato un motivo. Don Milani, eccetera eccetera.

4 Responses to “L’uomo del popolo”


  1. 1 greta 31 maggio 2009 alle 5:23 pm

    Berlusconi ha sempre ostentato la perfezione della sua famiglia e si è autoproclamato difensore di questa per scopi elettorali, ma adesso la vicenda del divorzio e di Noemi-Papi mostrano che non era proprio tutto vero. Questo avviene perchè la famiglia va difesa in parlamento con provvedimenti a suo favore, come fanno pochi politici non pubblicizzati dai media come daniela melchiorre.

  2. 2 lo scorfano 1 giugno 2009 alle 2:24 pm

    Oggi non si insegna più a scrivere nemmeno nelle scuole normali, alctro che in quelle serali. D’altronde, lo scopo è chiaro: più inconsapevolezza significa più consumi. Il resto viene da sé.

  3. 3 Tc 1 giugno 2009 alle 6:59 pm

    Se lo dici anche tu che sei nella scuola ci lavori…Insegni?

  4. 4 lo scorfano 2 giugno 2009 alle 12:16 pm

    Sì, insegno. E infatti vedo quel che accade. E vedo che quello che si vuole che accada è proprio questo: preparazione sempre più approssimativa, livello culturale sempre più basso (il voto di condotta che fa media, l’ho scritto tante volte, è in realtà solo un modo per ovviare a un 4 in italiano, se uno ci pensa). Poi, ovvio, io insegno in un liceo e i miei studenti scrivono meglio di così. Ma molto peggio di quelli di quindici anni fa, comunque.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

maggio: 2009
L M M G V S D
« apr   giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: