Archivio per maggio 2009

L’uomo del popolo

IL MIO PUNTO DI VISTA sono stato usato da qualcuno che non potendo attacare L’uomo del popolo (così io chiamo il PRESIDENTE) Usa un Gossip un Pettegolezzo, la mia storia d’amore con Noemi. Ora stanno insinuando che lui ha avuto rapporti di SESSO cosa che escludo a priori e impossibile! conoscendo Noemi è i suoi valori. Possibile che l’uomo del Popolo non possa avere una sua vita privata? Che male c’e ad essere amico di una famiglia normale? Questa e la cosa bella lui è diverso dai soliti politici lui è amico di tutti degli Chef, Operai, Dipendenti, Mendicanti, Poveri insomma di TUTTI.

Vera o falsa che sia la lettera con cui Gino Flaminio torna in scena, questa volta sulle pagine del Corriere, non mi interessa: è verosimile, e senza dubbio.

E allora, venitemi di nuovo a dire che il nostro problema non è anche, forse, in parte, che siamo inutilmente ricchi, inutilmente borghesi, inutilmente insopportabili. Lo so, lo dice pure Zoro e sono d’accordo, che l’unica cosa più snob della sinistra snob è dire che la sinistra è snob. 

Come volete. Questa gente non ci vota, e non ci voterà: perchè sono decenni che noi gli parliamo di pensiero debole, società liquida, hai letto il New York Times?, la forma partito è importante, c’è bisogno di un grande partito, e d’altronde. 

La lettera è vera, a parer mio. Maiuscole raffazzonate, punteggiatura messa a caso. Il PCI, le ACLI insegnavano a questo paese a leggere e scrivere, nelle scuole serali operaie delle sezioni. Ci sarà stato un motivo. Don Milani, eccetera eccetera.

Gli affari sono affari

Il Giornale ha resoconto dell’incontro, e foto, di un suo cronista con il famoso Gino Flaminio, il quale spiega che Repubblica l’ha fregato. Conchita Sannino si sarebbe presentata come inviata della famiglia Letizia, e solo dopo avrebbe fatto chiaro che andava tutto in stampa. Diversamente, è probabile che Gino non avrebbe detto quello che ha detto sul suo passato con Noemi Letizia (e quindi, è più probabile che quella sia effettivamente la verità).

E ora che si è fatto furbo, il ragazzo si fa pagare anche solo per il disturbo di parlare con il cronista. Ha già venduto diciotto pagine a Novella 2000 per dieci testoni (Novella fa sapere che non ha pagato niente).

E in effetti quindi il Giornale è l’unico che ha sganciato i soldi a Flaminio.

Lì per caso

Quando ha sentito per la prima volta indicare Berlusconi come una presenza familiare? 
“Posso dirlo con certezza. L’11 gennaio 2009, il giorno del compleanno di mio figlio. Io organizzai una piccola festicciola. E seppi, quella sera, che si stavano preparando grandi festeggiamenti per i diciotto anni di Noemi. E che alla festa avrebbe partecipato, a meno di impegni improvvisi, anche Silvio Berlusconi”. 
Addirittura tre mesi prima, si contava sulle presenza a quel tavolo del presidente del Consiglio? 
“A me fu detto che dovevamo “prepararci” per quello. La conferma della presenza del capo del governo sarebbe arrivata solo a Pasqua”. 

Parla la zia. Se è vero, Berlusconi mente al paese e questa non è davvero più una faccenda privata (ammesso che finora lo sia stata).


Tendenza Feltri e tendenza Fini.

Un bell’articolo del direttore Menechini su Europa riassume i malumori per cui la Destra forse ce la farà a sopravvivere allo stereotipo del maschio da erezione permanente che il Presidente del Consiglio ci propone.

Il discorso del Camerlengo

“Uscite fuori, e dite al mondo la verità”. Angeli e Demoni non è il filmone che cambierà la storia del cinema, indubbiamente; e se non ricordo male c’è anche qualcosa che hanno cambiato rispetto al libro.

Il discorso che Ewan McGregor, nelle vesti di Camerlengo, fa al conclave riunito in Sistina, merita invece a parer mio un tot di attenzione, perchè spiega abbastanza bene quale è il concetto della antinomia fra Fede e Scienza, fra Ragione e Cuore, Religione e Fede, visto da una prospettiva da dentro” della Chiesa.

“Chi può dirsi più ignorante? Chi non sa spiegare il fulmine, o chi non ne rispetta la naturale maestosità?” .Ecco, il succo è tutto qui. Non serve per forza sapere, sapere, sapere: non tutti possono, non tutti hanno nella vita tempo da perdere per sapere. Basta apprezzare, e quello, lo possiamo fare tutti. Per apprezzare non serve niente, basta la nostra umanità. Non c’è niente da capire; Galileo l’aveva intuito, quando diceva che le Sacre scritture sono scritte in modo a-scientifico perchè devono “persuader gli uomini a quegli articoli e proposizioni, che son necesarie per la salute loro, e superando ogni umano discorso, non potevo (potevano) per altra scienza né per altro mezzo farcisi credibili, che per bocca dello stesso Spirito Santo.” 

Di più: la verità, il sapere, la conoscenza, il momento in cui qualcuno sa qualcosa che un’altro non sa, è disuguaglianza. E’ un discorso complicato: avere il cosa, il come e il quando nella tua mano ti da potere, e il potere può essere pericoloso per te e per gli altri. Bomba atomica / centrale nucleare: quando hai tu il potere, la scelta spetta a te; e chi ti guida, se solo tu puoi? Meglio che lasci perdere.

E così, però, per non affrontare la vertigine del dilemma della libertà umana (perchè a questo si riduce, la relazione inversa fra libertà e uguaglianza; ricordare che il peccato originale è il voler conoscere più di quello che ti è dato sapere. Eva ha perso il Paradiso, Faust ha perso la vita – è un motivo che ritorna), la Chiesa spesso sembra non guidare il suo popolo, ma semplicemente vietargli alcune direzioni. 

Il problema, ed è come un chiodo che non riescono a gestire, è che il relativismo, la scienza, il mercato, la libertà, hanno già vinto. Esistono, non credo si possa negarlo, e anzi è inefficace dire al mondo che vanno evitati, perchè ci regalano anche delle conquiste positive, come l’uguaglianza degli uomini davanti alla legge, cioè davanti al giudizio della loro comunità. Io penso che il magistero dovrebbe mettersi in gioco, accettare la sfida, e dimostrare sul campo, perchè no, sul mercato, di saper indicare la direzione. E’ utile rimanere fuori, perchè la modernità, questa libertà dell’uomo senza Dio è da relativisti, massoni e giacobini, e stavamo tutti meglio prima? Vediamo invece cosa ci aspetta dopo: una chiesa progressiva, più che progressista.

E poi, diciamo che questi uomini che hanno perso Dio hanno bisogno di aiuto. Se la Chiesa non va da loro, non diventa di loro (la Chiesa è con i poveri o è dei poveri? – anche di spirito, e  ne esistono), allora di chi è? A che serve?

E’ tutto un conglomerato di pensieri su cui ritornerò, ogni tanto.

Parliamoci chiaro

Sapevo della sua esistenza, ma sono stato tutto il giorno all’università e non ho avuto modo di leggerlo prima. L’editoriale del Financial Times su Berlusconi è una davvero una bella sberla.

Ha risposto

Bravo Dario.

Falli neri

Trovo che Franceschini dovrebbe rispondere alle dieci domande che il Giornale gli pone. Secondo me farebbe una figura di grande stile, e superiorità. E soprattutto eviterebbe quel che qualcuno dirà, che ecco sono tutti uguali, neanche lui risponde.

Ha tutto da guadagnarne.

Anvedi quanta gioventù

Ho fatto il Treno per l’Europa, la scuola di formazione politica itinerante del PD. Esperienza sostanzialmente positiva, e guardando le cose con il tuo punto di vista inevitabilmente queste vanno per conto loro. Nel senso che io, per scelta e per carattere, difficilmente riproverò a farmi eleggere da qualche parte. Non è escluso, ma per ora non è nei piani: preferisco l’altra parte della barricata.

Ebbene, li invece probabilmente ero in mezzo alla prossima classe dirigente del PD, o di quel che ne resterà. So’ ragazzi, e so’ bravi. Oltre alle europee ci sono le amministrative, e, potendo, do qualche consiglio riguardo comuni lontani.

A Ferrara, Bianca Cavicchi. A Bagnacavallo, Claudia Cortesi. Per Palestrina abbiamo Simone Buratti, mentre nel Padovano, a Monselice, Pierluigi Giaccarello. Comune di Follonica, Mirjam Giorgieri e Francesco Aquino.

Facciamolo, sto rinnovamento.

Altan


D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

maggio: 2009
L M M G V S D
« apr   giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower