culo quadrato

E’ noto che le persone fanno la storia. La storia siamo noi, nessuno si senta offeso. E vabbè.

Meno noto, o forse non possibile ( e quindi perchè scriverne ) è che la storia la facciano i posti. I luoghi, le situazioni, le atmosfere, scrivono la storia? O la subiscono forse, o forse ne sono l’effetto, un prodotto culturale dell’uomo.
Se i posti facessero la storia probabilmente la mia casa di campagna avrebbe tanti libri da scrivere.

Quante persone saranno passate SottoLaQuercia?
Tante. Non so quanti anni abbia LaQuercia, ma ne ha tanti.

E tutto secondo un preciso rituale si ripete, e anche chi non c’entra niente dopo c’entra.

Anche chi è venuto giù apposta o quasi, da bussolago, da freschello, da vattelapesch, da dovetipare. Magari in macchina, coll’animo del viaggiatore globetrotter. ” Siete a Barcellona ( o a Vetralla, o a Helsinki )? Due ore e arrivo “.
Magari chi, credendo che la cosa si dovesse fare, che stesse scritto da qualche parte che vedeva solo lui.
Magari chi, sapendo che la cosa si doveva fare, che stesse scritto da qualche parte, evidente a tutti.

Chi viaggia gratis, e quindi perchè no, vuoi mettere. Fa piacere.
Chi non viaggia gratis, però perchè si.

E poi c’è chi organizza e porta in giro, sperando che anche se si è in pochi
anche se non tutto si può fare
anche se non tutto si farà, anche se ci sarà da stare seduti più di quanto immaginasse lui stesso
anche se di Roma non si vedrà niente
sperando spera che chi ha fatto tanta strada non resti deluso.

Probabilmente non imparerà mai che non si resta delusi.

E’ stato bello pensare ogni dieci minuti in cui mi rendevo conto di cosa stesse succedendo chiedersi ” ma loro che ci fanno qua ? ma sono venuti veramente? ” e poi scacciare il pensiero sorridendo.

E poi è bello rendersi conto di come vivi tu la tua città. Lo capisci solo sentendo chi vien da fuori.
Capire veramente che per noi romani, il Raccordo è la Dogana, e serve il passaporto.
Il quartiere è la regione, e a Talenti la cucina tipica è un’altra rispetto al Tiburtino.
E il 60, probabilmente, è un volo di linea. Alitalia, visto lo stato del mezzo.  

A un certo punto questo schema non funzionerà più. Invitare, fare la pizza, giocare a carte, dormire, ripartire, a un certo punto non funzionerà più. Forse. Non credo. Magari funzionerà per sempre.

1 Response to “culo quadrato”


  1. 1 جابر علاونه 7 aprile 2010 alle 8:03 pm

    certi hanno un culo talmente quadrato che non si rendono nemmeno conto. Altri inveci ce l` hanno cosi piatto che si rendono conto e come dalla sofferenza giornaliera subbita inutilmente
    Ma, Sara un fatto di fortuna???!!!!!!!!!
    Ma che culo
    Ciao Jaberino


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

settembre: 2008
L M M G V S D
« ago   ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: