Archivio per luglio 2008

è vero, è così

Inizia ad essere faticoso star dietro a tutto quello di cui c’è da parlare. Oggi volevo parlare di Alitalia.
Poi ho letto che oggi la Camera ha votato ” si ” al conflitto di potere in merito alla decisione della Corte d’Appello riguardo il caso Eluana Englaro.

[...]

Intermezzo

Ore 1500 ( quando andava bene, anzi, quasi mai, facciamo 1600 ). Quadrato, tempo di Servizi. ” Procioni e Koala vanno con Tommaso a fare il servizio TG-Notizie dal Mondo “.
Il servizio TG-Notizie dal mondo serve essenzialmente per far creare a una squadriglia una raccolta di aneddoti dal campo in modo da animare pressappoco il tempo merenda. Tipo ” Tizio s’è messo con tizia, ora facciamo una piccola rappresentazione. Caio è cascato su un sasso, ecco una diapositiva “.

No, non solo ho pensato io. Ecco qua un giornale.
Se c’è un motivo che mi spinge a continuare a scrivere e a parlare è che non è vero il luogo comune. Non è vero che nessuno vuole parlare di cose importanti. E’ vero che è poco facile parlare a dei quindicenni di argomenti importanti. Ma è anche vero che loro pensano e non sono stupidi, basta che le cose gli vengano spiegate.
Quando ci sono i fatti a parlare, le opinioni cedono il passo.

E così abbiamo parlato di Eluana. Sotto gli alberi, io e dei ragazzi.

E sono uscite fuori, da loro, le domande che contano. Si ma allora cosa è vita? Cosa è morte? Chi decide? Dove andiamo?

Perchè è questo il mestiere, e non altro. Raccontare serve a far pensare.
Il Giornalista è un Politico.

[...]

Eluana Englaro è attaccata ad una macchina da sedici anni, lo sappiamo. I medici sono concordi, non c’è modo, è troppo tempo. La frittata è fatta.

Bellissimo il discorso del padre secondo me, cioè, mi immedesimo in lui e ne vedo la forza. ” Benissimo, mia figlia è morta. Date corso alla natura e staccate quelle macchine. “. E il tribunale gli dà ragione. Staccate.

Certo, poi i medici si rifiutano di farlo, ma è loro diritto. Allora papà Englaro sta cercando in giro qualcuno che lo voglia aiutare, qualche ospedale che sia pronto e che abbia coraggio.
Uomo maestoso. No?
Non so se è pure Cattolico. Pensa che beffa sarebbe.

Dicevo, il conflitto di potere. Il parlamento ha oggi deciso che la decisione della Cassazione deve essere rivista, perchè non è una sentenza, è praticamente una decisione ex novo, è come se la Cassazione avesse scritto una legge.
Dove è scritto che si può staccare questo sondino? Che si può interrompere l’alimentazione? Dove? In qualche legge? No. E allora come ha fatto la Corte a decidere in questo modo? Su quali basi? Cosa ha, deciso lei le cose che si fanno e le cose che no? E che, è lei il Parlamento?

Si, esatto, è un conflitto di potere.
Proprio così, la corte d’appello ha deciso autonomamente. E se fosse?

Il nostro sistema giuridico è un sistema completo. E’ la prima cosa che mi ha spiegato Nicola Lipari. Non esistono buchi nel sistema, non devono esistere, bisogna sempre arrivare a sentenza, sempre. A nessuno può essere negata giustizia.

Di chi è la colpa di questo vuoto normativo? Perchè è questo il punto.
Ai giudici devono essere dati gli strumenti per decidere. La politica deve fare il suo lavoro, deve fare delle scelte, deve scrivere delle leggi e mettere l’apparato giudiziario in condizione di decidere.
Qua sta la colpa. I veti incrociati del cavolo e le alleanze trasversali da Prima Repubblica.

Basta guardare la gente come ha votato in parlamento.

Nel PDL ci sono due mozioni : una contro il testamento biologico, e l’altra, degli ex PSI, il fronte laico ( Cicchitto , Della Vedova ), a favore del testamento biologico.

Grande vittoria invece per l’ala teodem del Partito Democratico, che si astiene. ” Oggi il Pd con una sofferta mediazione ha offerto una importante manifestazione di unità e di compattezza non partecipando al voto sul conflitto di attribuzione” hanno sottolineato i teodem Binetti, Bobba, Carra, Calgaro, Lusetti, Mosella, Ria, Sarubbi che ribadiscono: “Noi vogliamo che Eluana viva riconoscendo anche alla sua esistenza attuale il diritto a vivere e riaffermando che nessuno può assumersi la tragica responsabilità di togliere la vita ad un’altra persona”.

Il che è un’affermazione delirante, basta soffermarcisi sopra. Il voto sul conflitto di potere è una contestazione di metodo. Si contesta una decisione presa da qualcun’altro, dicendo, nello specifico, che la Corte su queste cose non poteva decidere. Bene.
Ma non si è in questo modo scritta una legge sul testamento biologico, come invece sembrano affermare i teodem.

Riassunto : ” Non abbiamo votato riguardo al conflitto di potere perchè vogliamo che Eluana viva “.
Qui c’è un militante del Partito Democratico che non ha capito questa affermazione e vorrebbe delle spiegazioni.

add to del.icio.us :: Add to OKNOtizie :: add to diggita :: Digg it :: add to ma.gnolia :: Stumble It! :: add to simpy :: seed the vine :: :: :: TailRank :: post to facebook

delirante intermezzo

Tra un campo e l’altro , e giusto per non lasciare la pagina ferma e vecchia.

Com’è giusto e corretto le visite si sono ridotte dei due terzi, d’altronde il periodo è quello che è.
Tornato da poco dal campo di reparto, alla fine dell’anno di servizio al reparto, mi è piaciuto il campo di reparto, anche se è impossibile organizzare in questo modo un campo di reparto, io ho fatto cinque campi di reparto e questo non era male come campo di reparto, certo è stato stressante per essere solo un campo di reparto, ci sono varie cose che non vanno nella staff di reparto ma la cosa importante è che i ragazzi del reparto si sono divertiti al campo di reparto e anzi hanno detto che è stato uno dei migliori campi di reparto; stando dall’altro lato e avendo un pò di piu quindi il punto di vista dei capi reparto ci sono stati vari problemi dal lato, appunto, dei capi reparto. Ma comunque ora il campo di reparto è finito e in qualche modo è andato bene, il campo di reparto.

Il campo di reparto.

[...] Mi sono scordato quest’anno di scrivere il diario di bordo del campo, anche se non era una brutta idea. Ma tanto tempo per farlo non ci sarebbe stato, visto il continuo ambiente da neurodeliri perenne che si respirava.

Recuperiamo in Route, probabilmente a quattro mani con Frankie.

Intanto ho da finire le ultime cose e devo consegnare una cosa importante per un’importante occasione, e speriamo bene.

Dopodichè partiamo per l’Irlanda e per l’ennesimo eurotravel da eurogeneration, il che va più che bene.

Aggiungere salsa di miglioramento e servire tiepido.

Questo invece è il dessert che vorrei perchè ci calza a pennello.

giustizia e università

Che somiglia a Giustizia e Libertà, ma non c’entra niente. Anzi, c’entra un sacco.

Oggi mi aggiro per giornali, vado sul Corriere.
Innanzitutto non s’è detta una cosa importante, e cioè che Ottaviano Del Turco è stato arrestato per maxitangenti nel comparto sanitario.
Presidente della Regione Abruzzo, ex socialista, esponente PD.
Per quanto riguarda questo, mi associo e mi affido in modo totale al commento eloquente ed esauriente, di Pippo Civati. Che stanchezza. Che anno difficile.

C’è Panebianco che scrive un bell’articolo sui rapporti fra l’ideologia dominante, diffusa e fumosa della sinistra in tutti questi anni e la Magistratura. Verissimo, tutto apprezzabile, soprattutto frasi come “È lecito chiedere al Partito democratico: come pensate di tornare a essere forza di governo se non avete una vostra posizione sulla giustizia, una posizione che non si limiti a essere, come è sempre stato fin qui, una fotocopia di quella dell’Associazione nazionale magistrati?”

Che è vero, percarità,che è vero. Poi vado avanti e leggo ” A me pare, però, che senza una riforma che, tra le altre cose, separi le carriere e tolga di mezzo l’obbligatorietà dell’azione penale, non sarà mai possibile ricondurre nell’alveo delle istituzioni democratico-rappresentative le grandi scelte di politica delle giustizia. “

Ieri ho fatto vedere alla filosofa di casa, quella che la insegna, l’intervento dei cinqueminuti-a-testa della mattinata de iMille che mi ha convinto di più, quello di Chiara Lalli, docente di Epistemologia molto giovane, aggressiva e concreta.
La professoressa, qui, ha detto che ” a parte che non sono d’accordo, ma non ha portato nessun argomento a sostegno della sua tesi. Manca la pars construens . “. Io ci ho ragionato su, ho pensato che il discorso di Chiara continua ad essermi piaciuto, ma forse la prof ha ragione. ( Ogni prof ha sempre ragione ).

Mi sembra che siamo nella stessa situazione.
Ci viene propagandato che abolire l’obbligatorietà dell’azione penale sia l’unicomodo per riportare a più miti consigli una magistratura totalmente impazzita e fuori dal suo ruolo.

Dove sarebbe la magistratura impazzita innanzitutto. E poi ci spieghino perchè è così necessario abolire l’obbligatorietà dell’azione penale.

Apro un libro di educazione civica per licei, e leggo : ” Articolo 112, obbligo dell’azione penale. Il pubblico ministero ha l’obbligo di esercitare l’azione penale. ” Spiegazione. Il principio dell’obbligatorietà dell’azione penale è posto a salvaguardia dell’eguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge. Esso impone al PM di promuovere le indagini quando si viene a conoscenza di fatti qualificabili come reato, senza poter compiere discriminazioni tra i cittadini da sottoporre a giudizio. Per garantire l’imparzialità del PM il codice di procedura penale impone che la sua decisione di non procedere con le accuse, perchè il reato non esiste a fronte delle prove raccolte, sia esaminata da un altro giudice. Lo stesso accade nel caso in cui il PM chieda il rinvio a giudizio. “

Sono dieci righe.

Qualcuno mi deve spiegare perchè l’abolizione dell’obbligo di azione penale salverebbe questo paese dai demoni in toga. Il fatto che la magistratura, nel nostro paese, sia un corpo isolato, autoprotetto ed autogarantito, non è una scelta di pazzi e folli : è una precisa garanzia costituzionale.Se si vuole modificare la Costituzione, dovrete convincermi a darvi il mio voto.

Spieghiamo anche questa cosa dell’indipendenza della magistratura? La spieghiamo.
Il giudice è chi controlla se le leggi vengono rispettate, e punisce chi non lo fa.
Proprio per questa sua natura di tipo punitivo, un potere così pericoloso può essere sottoposto ad alcuni abusi. E deve essere isolato in se stesso a garanzia di tutti noi.

Non può dipendere dal parlamento. Il compito del parlamento è fare le leggi.
Non può dipendere dal governo. Il compito del governo è applicare le leggi.
La magistratura controlla. Nessuno controlla il controllore, perchè sennò vorrei sapere chi controlla il controllore del controllore, e così all’infinito.

Chiunque abbia potere è portato ad abusarne; egli arriva sin dove non trova limiti .Perché non si possa abusare del potere occorre che il potere arresti il potere ” ( L’esprit de Lois, Montesquieu )

A mio parere ( ovviamente per quello che vale ) i problemi della giustizia si risolveranno quando un cittadino non dovrà aspettare 10 anni per ottenere il risarcimento per un vetro rotto.
E perciò, più fondi e più efficenza per la magistratura ordinaria, e non meno importanza e meno ruolo per essa. Grazie.

Per quanto riguarda l’università, invece, FacciamoTuttiFesta

Particolare attenzione sulla possibilità di istituire un’università mediante una fondazione ordinaria di Diritto Privato.
Questo vuol dire che io, mammeta e tu, più due nostri amici, possiamo creare una fondazione universitaria con sede nella mia cantina, con facoltà di Polvere e Segatura e corsi di laurea in Niente e, se siamo abbastanza bravi e il ministero abbastanza cieco, possiamo beccarci i finanziamenti pubblici.

E’ bello che si preferisca fare altro invece che risolvere i problemi. Forse si pensa che fare altro risolva i problemi.
Nella mia vita non è stato così. Poi, non so.

add to del.icio.us :: Add to OKNOtizie :: add to diggita :: Digg it :: add to ma.gnolia :: Stumble It! :: add to simpy :: seed the vine :: :: :: TailRank :: post to facebook

le cose cambiano

La cosa che sto pensando in questo periodo è : come non lasciarmi scappare niente di quello che faccio.
Vengo da un periodo tristemente lungo in cui assisto alla mia vita, con peraltro sufficiente fastidio.
La risposta che ho trovato, anzi, che qualcuno mi ha dato è : Ascolta.

Questo sto provando, e questo funziona.
In effetti, le giornate sembrano piu lunghe. E non intendo ascolta solo con le orecchie, intendo che sto cercando di ascoltare le cose che succedono, sto cercando di ascoltare anche cogli occhi e con le mani.

Finisce la seconda assemblea nazionale de iMille. E la redazione iMilleweb ha una ” comare ” in più.

Secondo il nostro portavoce le comari sono quelli che si chiudono sulla mailing list e smistano il traffico e mettono in lista chi pubblicare. Essendoci bisogno di rinforzi, generosamente, Marco mi ha offerto come volontario; pare infatti che a norma del nostro statuto materiale il portavoce possa surrogarsi nell’offerta di volontari.
Poco male, perchè già volevo offrirmi io. :)

Tutto qui. Solo per dire che sono contento di aver ascoltato le cose in questi tre giorni. Un intervento scritto in un ora prima dell’assemblea ha ricevuto complimenti inaspettati.
Ho trovato un aria veramente da ” chi fa le cose “.

Fortunato chi firmò quell’appello.

un pò di cose

Un piccolo elenco di cose di cui c’è da parlare.

1) Manifestazione dell’8 luglio. Io ci sono andato, ma dovevo andare via al momento in cui ha parlato Grillo ( concerto Modena City Ramblers alla Festa dell’Unità quella stessa sera ).
Sono molto contento che dovessi andare via proprio a quel punto.
Grillo dimentica una fondamentale cosa. L’accusa di Grillo è ” Napolitano, se firmi il Lodo sei complice anche tu perchè quel coso vale anche per te. “
Bella cretinata. Certo che vale anche per Napolitano. Ma Napolitano non è esattamente il primo che passa. Ed evidentemente il presidente della Repubblica ha un attimo presente che :
1) La costituzione gli attribuisce solo il potere di veto per una volta.
2) La situazione politica attuale.
Se il Lodo viene rimandato indietro perchè anticostituzionale ( l’unica ragione possibile ), quante possibilità ci sono che torni al Colle uguale-identico? Molte.
Sono d’accordo a dire che Napolitano dovrebbe rimandarlo alle camere ( e non è detto che non lo farà ). Ma non puoi difendere la Costituzione e sputare un minuto dopo su quello che ne è il garante ultimo e autorevole. Non credo che Napolitano stia svolgendo male questo ruolo, anzi.

Beppe, faresti meglio a fare quello che facevi bene. Denunciare le cose che non vanno, organizzare i Meetup e imboccare ai consigli comunali dei comuni per fare pressioni o presenza vigile.
Per quanto riguarda la Guzzanti, eccessiva, ma dicesse quel che vuole. Quando fa d’Alema è perfetta, preferisco ricordarla per quello.

2) Assemblea Nazionale de iMille. In corso. Qui la registrazione della prima giornata, con annesso addirittura il mio intervento. Addirittura.

3) Assemblea Nazionale de iMille. Location, Partito Democratico, Via Sant’Andrea delle Fratte.
Se c’è una cosa che non finirà mai di stupirmi è Roma. I tetti di Roma, c’è pure la canzone di de Gregori. Ti veniva da saltare giù dal balcone e fare Spider Man.
E poi ieri sera salendo su verso il Gianicolo.
E poi ieri sera andando verso Piazza Navona.

add to del.icio.us :: Add to Blinkslist :: add to furl :: Digg it :: add to ma.gnolia :: Stumble It! :: add to simpy :: seed the vine :: :: :: TailRank :: post to facebook

triangolo nero : slavi

25 giugno. Comincià così l’ultima attesissima puntata della serie ” Razza Slava “. L’ultima, solo in senso cronologico direi, non in senso assoluto.

Insomma, adesso dei volontari della Croce Rossa andranno in giro per campi nomadi a prendere le impronte digitali dei bambini. O almeno è quello che il ministro dell’interno ha annunciato che farà.

Ovviamente, e giustamente, tutto il mondo civile grida ” razzismo “, e ” pratiche naziste “.
Praticamente , si incazzano tutti. Tutti!
Unione Europea
Opposizione
Mondo Cattolico
Organizzazioni non Governative
Onu
Amnesty International

Però si va avanti – visto che tra l’altro c’è un sondaggio che dice che una roba del genere per gli Italiani è una figata – e cioè : si fanno cose assurde solamente perchè tutti ritengono che sia figo farle, cioè si è dei Populisti e niente più.

Badate bene, la mia domanda è una sola, e non è ” siete nazisti, o cosa? “.
La mia domanda è : a cosa serve schedare i rom?

Davvero, che utilità ha avere tutte le impronte digitali registrate dei rom. Cosa porta, cosa giova, cui prodest?

Il provvedimento varrà come ulteriore tutela dei loro diritti, per evitare fenomeni come l’ accattonaggio. In questo modo vogliamo garantire, a chi ha il diritto di rimanere, di poter vivere in condizioni decenti. E mandare a casa chi non ha titolo per stare in Italia ” by Bobo Maroni.
Cioè? Come si evita l’accattonaggio prendendo le impronte? E il diritto a vivere in condizioni decenti? E le espulsioni? Che c’entra con il ” censimento “?

Dai, l’unica cosa per cui è utile un censimento è avere una banca dati per cui sei sempre in grado di collegare ciò che succede col volto di chi lo fa.

A me l’unica risposta che viene in mente è : ” così quando ruberanno sapremo subito chi sono, evvai ! “

1) quando ruberanno, mica se. gli zzingari rubano. ( che è vero, molti zingari rubano )
2) quindi prendiamo le impronte a tutto il mondo, così quando qualcuno ruberà qualcosa sapremo subito chi è stato, evvai!
Pronti, volete le mie impronte digitali?

Un provvedimento del genere non ha nulla di repressivo, nulla di dissuadente, nulla di sicurezza.
Il problema è sociale. Tu ruberesti se avessi da mangiare?

Eh! Ma loro non vogliono integrarsi, a loro piace vivere così! “
OOOH! Finalmente una questione seria. Risolviamo questa. [Prendendogli le impronte? :-S ]

[ Segnalo questo splendido scambio di battute fra KoZZiga e un simpatico senatore leghista ]

Ps. Aspetto un pò di reazioni sdegnose e indignate e Domani parliamo della manifestazione di ieri a piazza Navona.

add to del.icio.us :: Add to OKNOtizie :: add to diggita :: Digg it :: add to ma.gnolia :: Stumble It! :: add to simpy :: seed the vine :: :: :: TailRank :: post to facebook

blackjack

Woof. E’ andata.
Forse non bene come avrei voluto, anzi, non bene come avrei voluto, ma pistola alla tempia era un offerta che non si poteva rifiutare.

21. BlackJaaaaaaaack.
Si. Non è il coronamento di un sogno onirico di un anno di studio di Diritto Privato. E’ un jack nero. Nero come l’anima nera del maledetto assistente impossibile che mi ha interrogato ( ah, Salerno, Salerno, la pianti di interrogare solo donne e degni di uno sguardo noi che ti abbiamo seguito in tutti i tuoi seminarietti, corsi e corsetti! ).

Il contratto di Subfornitura : Mezza pagina, a un certo punto del libro.
Le servitù irregolari : Un paragrafo di 10 righe nel mezzo dell’altra roba sulla servitù.

Beh, 21. Lipari passato alla prima botta. Fa un pò rabbia, ma evidentemente i tempi della Manzoni e della Maestri sono lontani.

( Non ) va bene così, ( ma ) ce lo facciamo bastare.

Programmi prossimi : due tre giorni di svacco [ svaaaaco, Venexiàn! ]
preparare per bene ( per bene ) gli altri tre esami che mancano all’appello
venerdi, assemblea de iMille e mio fondamentale speech ( cinque minuti di vaccate pure )
risolvere problemi

Stasera, modena city ramblers @ festa dell’unità *_*
Oggi pomeriggio, piazza navona *_*
Motorello, bi biiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii brumbrumbrumbrumm

Post da scrivere : finire la trilogia dei rom, con l’ultima puntata di Razza Slava.


D-Avanti è il Blog di Tc.
Tc sta per Tommaso Caldarelli.
Tommaso Caldarelli sarei io.
E l'immagine di testata è quella storica del blog

Aggeggi

a

Flickr Photos

Ambra

St Paul from Millennium bridge

Tate modern

Valerio is in da Tube

QD0051003

Imperial War Museum, outside

QD0051006

J&F

London

Imperial war museum

Altre foto

luglio: 2008
L M M G V S D
« giu   ago »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.911 follower